Tratto dallo speciale:

SIRMI: mercato Digital Technology ancora in rosso

di Noemi Ricci

scritto il

Nel 2010 il mercato italiano della Digital Technology ha segnato una lieve ripresa ma resta in rosso secondo il rapporto SIRMI: -3,6% Elettroncia di Consumo e -4,1% per la TLC.

Seppure in lieve ripresa rispetto al calo verticale del 2009, il mercato italiano della Digital Technology è ancora in rosso. Unico spiraglio, secondo l’analisi SIRMI a fine 2010 si è registrato un segno meno più contenuto: -3,6% per l’Elettronica di Consumo e -2,0% per l’IT. Leggera ripresa per le TLC (+0,8%).

Nel comparto IT, l’unico traino è stato l’Hardware (+0,8%; +2,8% nel IV trimestre; -11,2% nel 2009).

In calo invece Software (-0,9%; -5,4% IVQ; -3,8% nel 2009), Servizi di sviluppo (-5,9%;-6,5% IVQ; -7,2% nel 2009) e Servizi di gestione (-4,1%; -4,4% IVQ; -4,8% nel 2009): su questi ultimi due hanno inciso pesantemente le Tariffe Professionali, scese in media di circa il -10% rispetto al 2005.

Bene l’andamento dei Pc Intel/AMD che crescono a +8,1% anno su anno e +13,3% nel quarto trimestre, contro il -8,9% del 2009 (-8,1% nel IVQ). Cala drasticamente nel 2010, invece, la vendita di Pc Desktop consumer in favore di Notebook, Netbook e Tablet mentre tengono bene tra la clientela business insieme ai Netbook, in calo invece il ricorso business ai Notebook.

Sempre più diffusi tra i professionisti i Tablet, protagonisti del 2011 sull’onda del successo deigli smartphone. Il fatturato è passato da 12,4 milioni di euro del 2009 ai 196,9 milioni di euro del 2010; 20.550 unità vendute a fine 2009 e 423.900 nel 2010.

I risultati vanno letti considerando l’andamento critico dell’economia e della finanza e la riduzione della capacità di spesa degli Italiani, insieme a fenomeni specifici dei singoli comparti dell’Industria Digitale come la diversa maturità di domanda e offerta, il livello di competizione, la durata del ciclo di vita dei prodotti, la diffusione ed il livello di utilizzo di prodotti e servizi.


Articoli Correlati