Tratto dallo speciale:

EITO: ICT europeo più stabile nel 2010

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

L'EITO prevede per il prossimo anno la stabilizzazione del mercato ICT, seppure non ancora rivitalizzato. Il settore meno colpito è quello delle Telecomunicazioni, mentre a risentire di più della crisi è l'Elettronica di Consumo

In accordo con le previsioni EITO European Information Technology Observatory, il 2010 non aprirà definitivamente le porte a una totale ripresa del mercato ICT in Europa, ma almeno stabilizzerà il trend negativo del 2009. Il settore meno colpito? Le Telecomunicazioni, mentre a pagare lo scotto più duro l’Elettronica di Consumo.

Se le vendite dei prodotti e servizi IT, TLC e CE hanno segnato nel 2009 -2,2%, l’Osservatorio stima uninversione di tendenza pari 0,5% nel 2010.

Da un lato ci si avvia alla maggiore stabilità, dall’altro alla stagnazione per il mercato ICT ed Elettronica diConsumo, con un controvalore pari a 714 miliardi di euro.

Poiché i settori più colpiti dalla crisi sembrano ora puntare su nuovi progetti IT, l’EITO prevede per il mercato IT (Hardware, Software e Servizi) una crescita dello 0,6%. Le entrate sui servizi in Outsorcing cresceranno nel 2009 del 4%, per un valore di 66 miliardi di euro.

Le meno colpite restano le TLC, con un calo dello 0,7%, seppure la telefonia fissa risulti in continua discesa da anni e il boom dei servizi dati sembri l’unica vera linfa del comparto.

Infine, per l’Elettronica di Consumo, a causa della caduta dei prezzi di TV piatte, fotocamere digitali e sistemi di navigazione, si prevede quest’anno una spesa inferiore dell’8% e per il 2010 nessuna ripresa, ma una percentuale vicina al 6%.

I Video di PMI

Servizi online della PA: credenziali di accesso