Tratto dallo speciale:

Criptovalute: obbligo iscrizione al Registro OAM degli operatori in Italia

di Redazione PMI.it

scritto il

Criptovalute, entro il 18 maggio sarà attivo il registro degli operatori in Italia, obbligatoria l'iscrizione OAM per esercitare: requisiti e scadenze.

Entro il 18 maggio sarà operativo il Registro operatori in criptovalute tenuto dall’OAM (Organismo Agenti e Mediatori), con l’apertura di una specifica sezione speciale. Il database conterrà le informazioni sui prestatori di servizi relativi all’uso di valute virtuali e ai servizi di portafogli digitali che operano in Italia.

Registro operatori in criptovalute

Saranno considerati abusivi, gli esercizi dell’attività di operatori che non ne rispetteranno i termini e che ometteranno di effettuare l’iscrizione. Le regole per l’iscrizione sono state fornite con decreto MEF del 13 gennaio 2022. L’iscrizione nella sezione speciale del registro OAM è subordinata al possesso dei requisiti di cui all’articolo 17-bis, comma 2, del decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141.

Tutti i soggetti già operativi alla data di apertura del Registro OAM avranno 60 giorni di tempo per comunicare la propria operatività in Italia, potendo in questo modo continuare a esercitare l’attività senza dover attendere la pronuncia dell’OAM. I soggetti non ancora operativi alla data di apertura del Registro, invece, sono tenuti a comunicare l’intenzione di esercitare in Italia e attendere la validazione per poter operare legalmente sul territorio nazionale. L’OAM avrà 15 giorni per verificare la regolarità delle comunicazioni ricevute e valutare la documentazione allegata, in modo da approvare o negare l’iscrizione. Il termine dei 15 giorni potrà essere sospeso una sola volta, al massimo per 10 giorni, in caso di comunicazione incompleta o da integrare.

=> I rischi delle cripto-valute secondo Consob e Bankitalia

Trasparenza su operatori e servizi

L’OAM potrà così garantire l’accessibilità al pubblico dei dati riportati nella sezione speciale del Registro dei criptovalute . In particolare, indicando:

  • nome del prestatore di servizi o denominazione sociale e sede legale / della stabile organizzazione in caso di soggetto diverso da persona fisica;
  • tipologia di servizio indirizzo dei punti fisici di operatività (compresi eventuali ATM) e/o l’indirizzo web tramite il quale il servizio è svolto.

Su richiesta, inoltre, l’OAM potrà fornire a tutti i soggetti istituzionali impegnati nella lotta al riciclaggio e alla Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo alcune tipologie di informazioni, tra cui i dati identificativi del cliente e i dati sintetici relativi all’operatività complessiva di ciascun prestatore di servizi.

Come iscriversi al Registro AOM

La comunicazione è effettuata telematicamente, dall’area riservata del portale OAM. L’accesso è consentito previa registrazione.

La comunicazione per le persone fisiche

La comunicazione all’OAM deve contenere:

  • il cognome e il nome;
  • il luogo e la data di nascita;
  • la cittadinanza;
  • il codice fiscale, ove assegnato;
  • gli estremi del documento di identificazione;
  • la residenza anagrafica nonché il domicilio, se diverso dalla residenza;
  • un indirizzo di posta elettronica certificata per le comunicazioni tra il prestatore e l’OAM;
  • l’indicazione della tipologia di attività svolta in qualità di prestatore di servizi relativi all’utilizzo di valuta virtuale e/o di prestatore di servizi di portafoglio digitale;
  • l’indicazione della tipologia di servizio prestato tra quelli elencati nell’allegato 2 del presente decreto, che ne costituisce parte integrante;
  • le modalità di svolgimento del servizio, con l’indicazione del numero e dell’indirizzo dei punti fisici di operatività, ivi compresi gli eventuali sportelli automatici (ATM), e/o dell’operatività online con l’indicazione dell’indirizzo web tramite il quale il servizio è svolto.

Comunicazione per i soggetti diversi

La comunicazione deve contenere

  • la denominazione sociale;
  • la natura giuridica del soggetto;
  • il codice fiscale/partita IVA, ove assegnato;
  • la sede legale e, se diversa dalla sede legale, la sede amministrativa;
  • per i soggetti con sede legale in altro Stato membro dell’Unione Europea, la sede della stabile organizzazione nel territorio della Repubblica;
  • il cognome, il nome, il luogo e la data di nascita, il codice fiscale, ove assegnato, e gli estremi del documento di identificazione del legale rappresentante;
  • un indirizzo di posta elettronica certificata per le comunicazioni tra il prestatore e l’OAM;
  • l’indicazione della tipologia di attività svolta in qualità di prestatore di servizi relativi all’utilizzo di valuta virtuale e/o di prestatore di servizi di portafoglio digitale;
  • l’indicazione della tipologia di servizio prestato tra quelli elencati nell’allegato 2 del presente decreto, che ne costituisce parte integrante;
  • le modalità di svolgimento del servizio, con l’indicazione del numero e dell’indirizzo dei punti fisici di operatività, ivi compresi gli eventuali sportelli automatici (ATM), e/o dell’operatività online con l’indicazione dell’indirizzo web tramite il quale il servizio è svolto.