Polizze vita, come scegliere l’assicurazione che rende meglio

di Redazione PMI.it

scritto il

I consigli degli esperti su come orientarsi nella scelta delle polizze vita, temporanee, caso morte e sull'età in cui è meglio stipularle.

Le assicurazioni temporanee sono dei prodotti assicurativi caratterizzati da un limite temporale, solitamente 10-30 anni. Le polizze vita temporanee sono assicurazioni sulla vita pure che rappresentano, secondo gli esperti, la scelta migliore soprattutto per chi ha 30 e 40 anni. Questo perché i tassi di interesse che si applicano sulle assicurazioni sulla vita si basano sul calcolo della mortalità, quindi più si è giovani più le tariffe sono basse. In media gli esperti stimano una crescita dei tassi dell’8% ogni anno con l’età.

=> False assicurazioni: come difendersi

Polizze vita temporanee causa morte da giovani

Stipulare un’assicurazione temporanea quando si hanno 30-40 anni consente di essere coperti in tutto quel periodo della vita solitamente caratterizzato da scelte ed eventi importanti, ad esempio sono questi gli anni in cui generalmente si inizia ad avere i primi veri guadagni, ci si sposa, si acquista casa, si mette su famiglia e si vedono i propri figli crescere, per alcuni anche andare all’università.

Proprio ai 30-40enni gli esperti finanziari consigliano di stipulare un’assicurazione sulla vita temporanea in caso di morte. In caso di decesso nel periodo di validità della polizza, i beneficiari riceveranno un capitale utile per non stravolgere le proprie vite, almeno dal punto di vista economico. Se questo, auspicabilmente, non succede la copertura termina alla scadenza del periodo stabilito. Ovviamente in questo caso non si ottiene alcun rimborso.

=> Spread e prestiti: quale mutuo scegliere

Polizze vita temporanee causa morte in età avanzata

Gli esperti sono concordi sulla convenienza di questa scelta, durante questi anni della vita. Ma si tratta di un prodotto che viene ritenuto valido anche successivamente per rispondere ad esigenze temporanee in età avanzata, per sostenere economicamente i propri familiari, pagare il corso di studi dei propri figli, o eventuali debiti.

In questi casi bisogna però considerare un aumento dei premi, sia in base all’età che ad altri fattori, che fanno crescere i tassi di interesse, come ansia, pressione alta, colesterolo alto o altri malanni comuni che potrebbero portare ad un aumento dei costi di polizza.

I Video di PMI

Digitale Business: la classifica delle innovazioni