SOS Giustizia: punto d’ascolto anti-usura a Firenze

di Teresa Barone

scritto il

Il nuovo Punto di ascolto SOS Giustizia per accogliere le richieste di aiuto di cittadini e imprenditori a rischio di racket e usura.

La Camera di Commercio di Firenze avvia nuove iniziative volte a favorire legalità e giustizia in ambito locale, misure finalizzate a sostenere i cittadini e le imprese più a rischio di racket e usura anche a causa del perdurare della crisi economica. Presso la sede dell’ente camerale, infatti, nasce uno sportello contro le mafie: il Punto di ascolto del Servizio “SOS Giustizia” gestito insieme all’Associazione Libera si propone di diventare un luogo di riferimento fisso per tutti coloro che vivono una situazione di disagio e indebitamento.

=> Legalità e imprese: la crisi alimenta i reati

Punto di ascolto SOS Giustizia

Cittadini e imprenditori (sarà tutelati anonimato e riservatezza) possono segnalare la loro condizione presso il nuovo sportello, dove un team di professionisti valuterà le richieste di aiuto offrendo difesa legale, consulenza o anche solo un sostegno concreto.

«Ogni attività infiltrata dalla mafia è una sconfitta per tutti noi: non solo si allarga il numero di persone che entrano in una terribile spirale di disperazione, ma si corre il rischio di avvelenare imprese sane e interi settori dell’economia – afferma Leonardo Bassilichi, presidente della Camera di Commercio di Firenze -. In quest’ottica, stiamo operando con determinazione per favorire il rispetto della legalità e una libera e corretta concorrenza sul territorio.»

=> Rating di legalità per imprese: come ottenerlo

Sede e orari

Il Punto di ascolto SOS Giustizia è operativo tutti i mercoledì dalle 9 alle 12 (terzo piano della Camera di Commercio di Firenze, Volta dei Mercanti, 1). È anche possibile contattare il numero 334-1628073 tutti i giorni dalle 9 alle 12, oppure inviare segnalazioni e via email: sportellolegalitafirenze@fi.camcom.it.

=> Leggi tutte le news per le PMI della Toscana

I Video di PMI

Come consultare i bandi regionali