Partite IVA, sconto contributi in Legge di Stabilità

di Barbara Weisz

scritto il

Nella Legge di Stabilità 2017 una riduzione dell'aliquota contributiva applicata ai professionisti senza ordine iscritti alla gestione separata.

 

Partite IVAProfessionisti free lance, non iscritti a Ordini professionali e che lavorano a partita IVA avranno sconti fiscali in Legge di Stabilità: la conferma arriva dal premier, Matteo Renzi, che assicura un risparmio di mille euro l’anno per ciascuno. L’ipotesi su cui si lavora è una riduzione dell’aliquota contributiva, attualmente al 27%, portandolo intorno al 25% (avvicinandola al 24% di artigiani e commercianti), operando contestualmente un rialzo dei contributi per le spese assistenziali, malattia e maternità, ora allo 0,75%, che potrebbero raddoppiare all’1,5%.

=> Dipendente a Partita IVA: quando è possibile

La dichiarazione di Renzi (a Porta a Porta): «nella Legge di Stabilità verranno tagliati i contributi per le Partite IVA non iscritte agli Ordini, una platea di 500mila persone» (informatici, grafici, pubblicitari, traduttori, formatori), ecc.) che paga la gestione separata INPS con aliquota al 27% (+ lo 0,72% di quota maternità).

Si tratta di contributi previdenziali che rischiavano di aumentare fino al 33,72% nel 2018: ripetuti interventi di proroga hanno fermato l’aliquota al 27,72%. Con il provvedimento che il premier annuncia per la prossima manovra, si scongiura definitivamente l’aumento e anzi si riducono i contributi di almeno un punto percentuale (sommando aliquota del 25% e quota assistenziale si arriva al 26- 26,5%). E si spostano risorse sull’assistenza.

Prosegue intanto il cammino parlamentare di un altro testo normativo dedicato alle partite IVA, il Jobs Act Autonomi, approvato in commissione Lavoro al Senato prima dell’estate e ora atteso in Aula.

=> Jobs Act lavoro autonomo: novità per i professionisti

Il testo contiene misure per l’equiparazione fra professionisti e imprese ad esempio in tema di partecipazione a bandi pubblici, novità su congedi parentali e misure di conciliazione vita lavoro, più tutele per la maternità, deducibilità fiscale delle spese di formazione, nuovi termini per i tempi di pagamento. C’è infine la parte della legge dedicata allo smart working, forma di lavoro dipendente flessibile sul fronte di orari e luoghi di lavoro.