Come trovare lavoro su Linkedin

di Barbara Weisz

scritto il

I consigli degli head hunter per gestire il proprio profilo e curare la personal reputation per trovare lavoro su Linkedin: Milano quinta al mondo per connessioni sul social network.

Descrivere il proprio profilo con attenzione alle skill fondamentali, fare networking, tenersi aggiornati sul proprio settore, fare personal branding: sono le strategie vincenti per trovare lavoro su Linkedin secondo gli esperti di Fourstars, agenzia per il lavoro che ha messo a punto un vero e proprio vademecum di consigli. Due errori da evitare: non valorizzare adeguatamente la peculiarità di Linkedin, che si rivolge al mondo professionale, e va quindi utilizzato con un meccanismo diverso rispetto ad altri social network, e stare attenti agli head hunter improvvisati.

=> Recruiting, come ottimizzare il profilo Linkedin

L’utilizzo corretto di Linkedin consente di sfruttare al meglio una rete che vanta 10 milioni di professionisti iscritti in Italia (500 milioni gli utenti nel mondo). Qualche altro dato: Milano è la quinta città al mondo per connessioni su LinkedIn, dietro solo a Londra, Amsterdam, San Francisco e Giacarta. Ha 945mila professionisti iscrtti, con una crescita del 14% rispetto al 2016, ben 108mila aziende, +12.5% rispetto al 2016, oltre 9mila offerte di lavoro, il doppio rispetto a quelle rilevate l’anno prima.

 

Strumenti

Ci sono nuovi strumenti pensati per chi cerca lavoro: Pulse offre la possibilità di pubblicare contenuti sotto forma di articoli o post, come se si trattasse di un blog professionale. Linkedin Learning è un portale di formazione professionale che mette a disposizione degli utenti corsi specifici per accrescere le proprie competenze. Presto disponibile in Italia, Open Candidates è una funzionalità che permette di segnalare la propria disponibilità a valutare nuove offerte, senza comunicarlo apertamente al datore di lavoro. Linkedin Students, app per Android e iOS in arrivo, mette in contatto studenti e neolaureati con professionisti e potenziali datori di lavoro, attraverso un’analisi delle competenze acquisite.

=> I siti web su cui trovare lavoro

I consigli

  • Foto: scegliere una foto seria e non troppo impostata, che mostri un’immagine coerente con la propria personalità, senza cadere troppo nell’informale, ma neanche nel formale.
  • Profilo: è importante creare un profilo professionale completo, seguendo le indicazioni del sistema, inserendo, in maniera dettagliata, le informazioni riguardanti il proprio percorso lavorativo e formativo, e tenendolo sempre aggiornato.
  • Contatti: connettersi con le aziende e le persone che possiedono un profilo professionale interessante o coerente con la propria ricerca. Cercare un collegamento con tutte le aziende che operano nel settore di riferimento, per essere sempre aggiornato riguardo le loro attività e circoscrivere il campo di interesse.
  • Annunci: controllando le opportunità segnalate nella sezione “Lavoro” si trovano offerte in linea con i interessi, il settore, il luogo di residenza.
  • Contenuti: scrivere nuovi post, purché siano pertinenti, aumenta la visibilità e l’efficacia del profilo, consente di dimostrare competenza e interesse in un settore.
  • Gruppi di discussione: consentono di rimanere aggiornati e incrementare le conoscenze. E’ anche possibile lanciare un argomento specifico, su cui ancora non esiste un gruppo.
  • Competenze: cercare sempre di ottenerne la conferma da parte di altri utenti, per migliorare la web reputation.