Tratto dallo speciale:

CIG al via per lavoratori a domicilio e apprendisti

di Redazione PMI.it

scritto il

Cassa Integrazione anche ai lavoratori a domicilio e apprendisti, sostegno economico per tutti gli assunti con contratto subordinato: le istruzioni INPS.

L’INPS ha pubblicato le istruzioni al fine di applicare la cassa integrazione anche ai lavoratori a domicilio e i lavoratori assunti con contratto di apprendistato di qualunque tipo (compresi gli assunti con contratto di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore e gli assunti con contratto di apprendistato di alta formazione e ricerca).

Estensione CIG 2022

L’estensione della platea dei beneficiari degli ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro (di cui al DL 148/2015) prevista dalla Legge di Bilancio 2022 (legge 234/2021) era infatti in vigore dallo scorso 1° gennaio ma mancavano le indicazioni di prassi dell’Istituto di previdenza per poterla attuare.

Istruzioni INPS per datori di lavoro

Le novità sono contenute nel Messaggio 1403/2022 pubblicato il 29 marzo. L’analisi delle novità normative era già stata fornita con la Circolare n. 18 del 1° febbraio 2022. I codici evento da indicare nelle denunce UniEmens sono quelli attualmente in uso per la generalità dei lavoratori. I codici aggiornati sono elencati nell’Allegato Tecnico UniEmens.

Il sostegno al reddito è garantito a tutti i lavoratori subordinati, anche con una minima anzianità di lavoro, compresi dunque gli apprendisti e i lavoratori a domicilio.

Per i periodi di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa 2022, tutti i lavoratori subordinati (comprese le categorie su indicate) sono pertanto destinatari dei trattamenti di integrazione salariale (ordinaria, straordinaria e assegno garantito dai Fondi di solidarietà). N.B. La sospensione o riduzione dell’orario di lavoro non deve pregiudicare il completamento del percorso formativo.

Le altre novità 2022

In base alla riforma, le novità e gli importi della cassa integrazione dal 2022 sono i seguenti.

  • CIG all’80% con massimale unico da 1199 euro per tutti, su cui calcolare il trattamento in base della riduzione oraria.
  • CIGS estesa a tutti i settori per le causali di riorganizzazione aziendale (anche per realizzare processi di transizione), crisi aziendale e contratto di solidarietà,
  • FIS (Fondo di integrazione salariale) applicato a tutti i datori di lavoro non coperti dalla CIGO.

E’ stato anche ridotto a 30 giorni, dai precedenti 90 giorni, il periodo di effettivo lavoro presso l’unità produttiva per aver diritto alla CIG.