Tratto dallo speciale:

Turismo Covid-free: vaccino agli operatori del Veneto

di Redazione PMI.it

scritto il

Prenotazione vaccino Covid per operatori del turismo e centri estivi in Veneto, via App o su piattaforma web ufficiale: verso un turismo COVID-free.

La Regione Veneto registra un boom di prenotazioni per il vaccino anti-Covid agli operatori del turismo. A partire dal 3 giugno, infatti, i lavoratori del comparto e quelli dei centri estivi possono richiedere la somministrazione del siero, attraverso la App Sanità Km Zero e dal portale ufficiale regionale. Per entrambe le categorie, sono disponibili 9mila posti fin da subito, a cui si aggiungeranno altri 10mila posti a settimana fino a raggiungere quota 50mila dosi. Per prenotarsi bisogna compilare una autocertificazione, nella quale si attesta di essere un operatore del settore, indicando anche nome e indirizzo della struttura presso la quale si lavora.  Prima di presentarsi all’appuntamento, quindi, bisogna scaricare il modulo specifico (per operatori turistici o per operatori dei centri estivi) disponibile sul sito ufficiale delle prenotazioni ed anche su quello delle Ulss, consegnandolo poi al centro vaccinale il giorno dell’appuntamento.

Nei primi giorni hanno subito aderito circa 6000 gli operatori del turismo e dei centri estivi, completando l’iter di prenotazione del vaccino, che si può effettuare presso tutte le Ulss venete. In una delle aziende sanitarie di Venezia sono terminati in poco tempo tutti i 1.700 posti disponibili, in vista della stagione estiva ormai già avviata a pieno ritmo, soprattutto nella città lagunare.

Nel frattempo, dal 7 giugno il Veneto è entrato in zona bianca: dunque, niente coprifuoco e riapertura anticipata per matrimoni, cerimonie, parchi tematici e di divertimento, fiere ed esposizioni.  Il Veneto è la prima Regione d’Italia ad avere avviato le vaccinazioni di massa per il comparto turistico su base volontaria. Una scelta legata al fatto di essere la prima regione turistica d’Italia con 72 milioni di presenze turistiche, delle quali fra l’altro il 67% storicamente straniere, come ha spiegato il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia:

il nostro obiettivo è quello di scommettere e quindi realizzare un turismo COVID-free, grazie alla piena collaborazione con tutti gli operatori del settore.