Tratto dallo speciale:

Esonero contributi autonomi fino a 3mila euro: regole e domande

di Barbara Weisz

scritto il

Esonero contributivo fino a 3mila euro per autonomi e professionisti, domanda all'istituto di previdenza, scadenze per categoria: le regole nel decreto.

L’esonero contributivo 2021 è parziale, fino a un massimo di 3mila euro annui, e spetta ai lavoratori autonomi iscritti alle gestione INPS e ai professionisti iscritti agli enti previdenziali privati che nel 2020 hanno subito un calo di fatturato pari ad almeno il 33% rispetto al 2019, anno in cui devono aver prodotto un reddito di massimo 50mila euro. Sono i dettagli del decreto attuativo sull’anno bianco contributivo istituito dalla Manovra 2021, firmato dal ministro del Lavoro Andrea Orlando ed in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, con i metodi di alcolo di ricavi e compensi, i requisiti per le categorie di aventi diritto, le regole di presentazione della domanda (definite dagli enti previdenziali) di esonero, che in nessun caso riguarda i contributi INAIL.

Requisiti esonero contributi

Oltre a quelli primari (reddito prodotto e calo di fatturato), sono previsti una serie di ulteriori requisiti specifici. Per avere diritto all’agevolazione, è richiesta la regolarità contributiva e bisogna aver pagato la quota parte di contribuzione obbligatoria non oggetto di esonero. In quanto alle esclusioni, l’esonero non spetta invece a chi ha un contratto di lavoro subordinato (con l’esclusione di quello intermittente) e ai titolari di pensione, diretta o di reversibilità. Attenzione: coloro che hanno avviato l’attività nel 2020, hanno diritto all’esonero anche senza i requisiti di perdita di fatturato e ricavi massimi 2019.

Nel possesso di tutti i requisiti descritti, l’esonero spetta alle seguenti categorie di lavoratori:

  • Autonomi iscritti alle gestione speciali AGO (commercianti, artigiani, coltivatori diretti, coloni e mezzadri), o alla gestione separata INPS (sono compresi i soci di società e i professionisti componenti di studio associato);
  • Professionisti iscritti agli enti di previdenza obbligatoria privati di categoria;
  • Medici, infermieri, operatori della Sanità (legge 3/2018) già collocati in quiescenza a cui siano stati conferiti incarichi di lavoro autonomo o di collaborazione coordinata e continuativa per far fronte all’emergenza COVID.

Domanda di esonero contributivo

L’esonero spetta su domanda, può essere chiesto a un solo ente previdenziale e per una sola forma di previdenza obbligatoria. La scadenza di presentazione della domanda è differenziata per le diverse categorie di aventi diritto.

  • Autonomi iscritti all’INPS: entro il 31 luglio 2021.
  • Professionisti iscritti agli enti di previdenza obbligatoria: entro il 31 ottobre 2021.
  • Lavoratori della Sanità in quiescenza: entro il 31 luglio 2021.

Importante: chi ha già versato contributi 2021, in tutto o in parte, e ha diritto all’esonero, può chiedere il rimborso, presentando specifica domanda entro il 30 novembre 2021.

I Video di PMI