Arriva Tata Dada 2.0 il nuovo servizio intranet di Dada

di Filippo Vendrame

scritto il

Il mondo di internet si sta evolvendo con l’arrivo del web 2.0 ed ora anche le intranet aziendali si evolvono rinascendo proprio nell’ottica 2.0
Non solo contenuti statici, ma contributi, personalizzazioni, wiki e blog.
A riformulare il concetto di intranet aziendale, ci pensa la nota azienda Dada con il prodotto “Tata Dada 2.0“.

“Tata” è un progetto ambizioso di intranet aziendale che si differenzia parecchio dalle classiche piattaforme intranet che tutti conosciamo: secondo Dada, infatti, la nuova Tata 2.0 è stata studiata per agevolare la comunicazione, valorizzando la conoscenza attraverso l’accesso alle informazioni utili.

Ogni dipendente avrà  un suo spazio personale che potrà  essere personalizzato con widget di qualsiasi natura. Per esempio si potranno visualizzare grafici, prenotazioni di un volo o stanze d’albergo, riunioni previste…

Si potranno dunque strutturare i processi, digitalizzandoli, ma si potrà  anche condividere il proprio Know-How grazie alla possibilità  di creare blog ad hoc o guide tramite dei Wiki personalizzabili, permettendo una “scambio orizzontale” delle informazioni e conoscenze.

Ovviamente in puro stile web 2.0 i blog e i wiki saranno aperti a commenti, aggiunte e condivisioni di altri progetti. E proprio la personalizzazione e la semplicità  d’uso sono due dei cardini principali di questo progetto.

La nuova Tata sarà  perfettamente integrabile nel social network di Dada. Cercando online un proprio collega, in pochi click sarà  possibile raggiungere il suo spazio personale e condividere le sue risorse. Un team dedicato lavorerà  costantemente su questo progetto per migliorarlo e aggiungere nuove features.

È questo l’approccio giusto per integrare il Web 2.0 con la produttività  aziendale? Di strumenti business di questo tipo – in Rete – ce ne sono molti (e di qualcuno abbiamo già  parlato in precedenza – ma in effetti un’offerta integrata e pensata appositamente per le Intranet mancava. O almeno, così pare…