Bonus Cinema 2021: domande al via con maggiorazioni Covid

di Redazione PMI.it

scritto il

Tax credit cinema: si aprono dal 27 luglio i termini per il bonus relativo alla programmazione cinematografica 2021, con maggiorazione Covid.

Si apre lo sportello per chiedere il Bonus Cinema 2021 da parte delle sale di distribuzione: da martedì 27 luglio, a partire dalle ore 10:00, si possono presentare le domande di “Tax credit potenziamento offerta cinematografica” relative alla programmazione 2021. Si tratta del credito d’imposta riconosciuto agli esercenti delle sale cinema per incentivare la proiezione di film italiani o europei. Le regole sono contenute nel decreto ministeriale 152/2021 del MIBACT (Ministero Beni e Attività Culturali).

=> Tax Credit Cinema: imprese e opere ammesse

Maggiorazioni Covid

Per il 2021 il bonus è potenziato in considerazione dell’emergenza Covid, che ha costretto gli esercenti del settore a lunghi periodi di chiusure. In base all’articolo 36 del sopracitato decreto, il credito d’imposta è aumentato

  • del 60% per la programmazione nei quattro mesi successivi alla riapertura delle sale,
  • del 30% per la programmazione del quinto e sesto mese successivi alla riapertura.

In base ai decreti Riaperture, i cinema in zona gialla hanno riaperto il 26 aprile. Quindi, nei casi in cui è stata questa la data di riapertura, l’aumento del bonus cinema è del 60% per i mesi di giugno, luglio, agosto e settembre, e del 30% per ottobre e novembre. Le percentuali di incremento del credito d’imposta si applicano alle aliquote ordinarie (quelle delle lettere A e B sono cumulabili, fino a un massimo complessivo del 25% sull’incasso):

Come detto, la riapertura delle domande di tax credit potenziamento offerta cinematografica è fissata alle ore 10:00 del 27 luglio. Contestualmente, si chiudono alle 23.59 del 26 luglio le domande relative alla programmazione 2020. Quindi, per riassumere. Le domande si presentano attraverso lo sportello telematico del ministero dei Beni e attività culturali (piattaforma DGCOL), sulla quale bisogna attivare un account. E’ necessario avere un indirizzo PEC e la firma digitale. Il ministero annuncia che nei prossimi giorni sarà pubblicata la guida aggiornata alla presentazione delle domande.