Nuove imprese: incentivi ai giovani agricoltori

di Redazione PMI.it

scritto il

La Regione Toscana aiuta i giovani agricoltori concedendo contributi per avviare nuove imprese e aumentare la competitività del settore agricolo.

È online sul BURT il nuovo bando promosso dalla Regione Toscana, nell’ambito del progetto Giovanisì, volto a favorire l’inserimento di giovani agricoltori sul territorio al fine di aumentare la competitività del settore agricolo.

=> Nuovi fondi UE per PMI e imprese agricole

Il bando “Aiuto all’avviamento di imprese per giovani agricoltori”, è reso possibile da un plafond di risorse pari a 18milioni di euro stanziati all’interno del programma di sviluppo rurale 2014-2020. I destinatari sono i giovani di età non superiore ai 40anni che vogliono dare vita a una impresa agricola, beneficiari di un premio di primo insediamento pari a 30mila euro, Ottenendo anche la possibilità di accedere a varie misure aggiuntive che prevedono contributi pari al 50% (60% nelle zone montane) sugli investimenti effettuati per l’ammodernamento delle strutture, per le dotazioni aziendali e per la diversificazione.

I giovani agricoltori devono aver preso la Partita IVA agricola ed essere stati attivi in qualità di capo azienda nei 24 mesi precedenti alla presentazione della domanda. Le risorse ottenute possono essere usate per realizzare un piano aziendale di sviluppo della durata massima di 36 mesi, proseguendo l’attività agricola per almeno 5 anni.

Un altro requisito per accedere al bando, inoltre, riguarda l’acquisizione – entro la data di conclusione del piano aziendale – di adeguate competenze professionali per il conseguimento della qualifica di IAP (imprenditore agricolo professionale).

Le domande possono essere inviate dal 3 febbraio 2020 fino al 16 marzo 2020.

I Video di PMI

Come consultare i bandi regionali