Sabatini-bis: pronti i contributi alle imprese

di LavoroImpresa

scritto il

Sabatini-bisSono già pronti e stanno per essere erogati i contributi alle imprese per la Sabatini-bis relativi all’acquisto di macchinari e beni strumentali. Ma stando a quanto riportato nelle istruzioni contenute nella guida alla trasmissione della richiesta di erogazione delle quote di contributo pubblicata dal Mise è necessario accedere ad una specifica piattaforma al fine della trasmissione della richiesta di erogazione delle quote di contributo.

=> Incentivi statali: sì al cumulo

Le imprese che hanno acquistato macchinari o beni strumentali e che sono intenzionate a sfruttare le agevolazioni previste dalla Sabatini-bis dovranno accedere ad una specifica piattaforma disponibile e trasmettere la richiesta di erogazione delle quote di contributo. Per l’accesso al sistema occorre indicare l’indirizzo di Posta Elettronica Certificata e la password ricevuta dal Ministero dello Sviluppo Economico. Solo in questo modo le PMI potranno richiedere la prima quota del contributo legato alla Sabatini-bis. Per le quote successive alla prima, la data a partire dalla quale è possibile inviare la richiesta di erogazione sarà indicata in piattaforma. L’accesso alla piattaforma consentirà di visualizzare tutte le domande caricate dall’impresa e per le quali è stato già emesso il provvedimento di concessione da parte del Mise. Per ogni domanda potrà, quindi, essere scaricato il modello della dichiarazione sostitutiva di atto notorio da compilare e firmare digitalmente e caricato nuovamente in piattaforma. Affinché la procedura di richiesta di erogazione vada a buon fine è necessario che venga indicata la data di ultimazione dell’investimento ossia la data dell’ultimo titolo di spesa esposto ovvero la data dell’ultimo verbale di consegna del bene, nel caso di investimenti in leasing. Devono, inoltre, essere indicati per ciascun bene una serie di informazioni quali ad esempio il numero di matricola, la descrizione, il costo di acquisto, la data della fattura. Verrà, quindi, generata la dichiarazione di ultimazione dei lavori. Questa dovrà essere firmata digitalmente e caricata in piattaforma. Al termine del processo sarà possibile inviare la dichiarazione.

I Video di PMI