Start-up innovative, le FAQ del bando Smart&Start

Le FAQ Invitalia sul bando Smart&Start per i finanziamenti alle start-up innovative: chiarimenti sulla presentazione della domanda senza aver ancora aperto la società.

Chi può accedere all’agevolazione, come accedere al bando anche senza aver ancora costituito la società: tutte le risposte ai quesiti relativi al bando Smart&Start Italia, per il quale le start-up innovative devono presentare domanda entro il prossimo 16 febbraio 2015, sono contenute nella sezione appena inaugurata dedicata alle FAQ sul sito di Invitalia dedicato al bando. La maggioranza delle risposte ripercorrono normativa e procedure, ma ci sono anche alcuni chiarimenti.

=> Incentivi Start up innovative: guida al bando Smart&Start

Start-up non ancora costituite

Ad esempio, viene specificato che è possibile presentare domanda di agevolazioni anche senza aver ancora costituito la start-up innovativa, adempimento che può essere effettuato anche in seguito, attendendo l’esito della valutazione. Se la risposta è positiva, ci sono 60 giorni per costituire formalmente la società e ottenere l’iscrizione alla sezione speciale del Registro delle imprese (Art. 4, comma 2 e 4 del DM 24 settembre 2014) e 90 giorni per trasmettere la relativa documentazione a Invitalia.

=> Il nuovo Smart&Start per imprese innovative

Finanziamenti

Il bando, lo ricordiamo finanzia la nascita e lo sviluppo di start-up innovative, attraverso finanziamenti a tasso zero e, in alcune Regioni, contributi a fondo perduto. Possono accedere le start-up innovative di piccola dimensione, costituite da non più di 48 mesi al momento della presentazione della domanda di agevolazione, iscritte nell’apposita sezione del Registro delle Imprese e con sede legale e operativa nel territorio nazionale. Come detto, possono accedere anche team di persone che intendono costituire una start-up innovativa in Italia. nel caso di società non ancora costituita, a presentare la domanda sarà uno dei futuri soci.

Start-up innovative

La “start-up innovativa” per essere definita tale deve rispondere a tutti i requisiti previsti dall’articolo 25 e seguenti del DL 179/2012. I programmi di investimento devono prevedere spese ammissibili alle agevolazioni comprese fra 100mila euro e 1,5 milioni di euro. Attività ammesse:

  • significativo contenuto tecnologico e innovativo;
  • mirate allo sviluppo di prodotti, servizi o soluzioni nel campo dell’economia digitale;
  • finalizzate alla valorizzazione economica dei risultati del sistema della ricerca pubblica e privata.

Cause di esclusione

Fra le cause di esclusione, le imprese controllate da soci controllanti imprese che abbiano cessato, nei 12 mesi precedenti la presentazione della richiesta, un’attività analoga a quella cui si riferisce l’agevolazione.

Domande e scadenze

Si ricorda che le domande vanno presentate a partire dalle ore 12:00 del giorno 16 febbraio 2015, registrandosi nell’area riservata del sito Invitalia. È necessario attivare un indirizzo PEC e indicarlo nella domanda. (Fonte: FAQ Smart&Start sito Invitalia)

X
Se vuoi aggiornamenti su Start-up innovative, le FAQ del bando Smart&Start

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy