Cinque Pda per i dati in mobilità

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

Dati e connessioni in mobilità. I più recenti PDA offrono connessioni Wireless e memorie capaci di gestire grandi quantità di informazioni in dimensioni sempre minori

Con lo sviluppo delle tecnologie, anche le esigenze in ambito di comunicazione sono cresciute in modo esponenziale. Sempre più utenti hanno la necessità di utilizzare fogli elettronici, documenti o semplicemente musica e video, al di fuori delle mura domestiche o lavorative. In questo ambito si è resa, e si rende, sempre più necessaria la presenza di dispositivi che abbiano le potenzialità di computer portatili, ma che siano nettamente più piccoli in dimensioni. È con questo spirito che sono nati e si sono diffusi i PDA (Personal digital assistant), ormai comunemente chiamanti anche con il nome di Pocket PC. Le dimensioni sono le stesse di un telefono cellulare, mentre le capacità sono molto maggiori.

In questo articolo cercheremo di offrire una breve panoramica di questi strumenti, andando a sottolineare le caratteristiche che non includono la classica funzionalità di telefono cellulare GPRS. Andremo quindi a considerare, eccetto che per l’ultimo prodotto, le caratteristiche di PDA puri, e in particolare:

  • HP iPAQ hw6940
  • HP iPAQ hx2700
  • Nokia N800
  • i-mate PDA-N gps solution
  • Apple iPhone

Dei primi due prodotti presenteremo una breve presentazione, concentrandoci soprattutto sugli ultimi tre per le discussioni tecniche.

Prima di passare all’illustrazione delle caratteristiche tecniche è però necessario prendere visione delle potenzialità che questi dispositivi possono offrire.

Inizialmente tutto quello che un buon Pocket Pc doveva garantire era una agenda elettronica semplice ed efficiente, mentre ora l’esigenza è ben altra. Quello che un utente desidera dal PDA è un ambiente identico, o almeno simile, a quello che troverebbe dinanzi al computer dell’ufficio. Per questa ragione oltre al sistema operativo, devono essere disponibili applicazioni per l’apertura e l’editing di documenti come Office o Adobe Acrobat, software di gestione degli appuntamenti o rubriche, ma anche software per ascoltare la musica o vedere filmati.

Ovviamente tutto questo va associato al sempre presente bisogno di connessione internet, e quindi a browser web come Internet Explorer, servizi di messaggeria instantanea e gestori di Posta Elettronica. Inoltre per soddisfare un sempre crescente bisogno di mobilità, negli ultimi modelli troviamo diverse antenne ricevitori di segnale Wi-Fi, Bluetooth e anche GPS integrati.

Come si può leggere da questa breve descrizione quindi, i PDA sono diventati strumenti sempre più sofisticati e hanno richiesto l’utilizzo di processori sempre più potenti e soluzioni di memorizzazione sempre più piccoli e capienti, come memorie SD, CF, TF e così via.

iPAQ HP

I due prodotti HP, il iPAQ hw6900 Mobile Messenger e l’HP iPAQ hx2700 Pocket PC permettono entrambi di trasferire in ambito mobile le normali funzionalità disponibili in ambito lavorativo. Dal punto di vista del sistema operativo, entrambi prevedono una versione di Microsoft Windows Mobile 5.0, supportati rispettivamente da un processore Intel PXA270 processor 416 MHz e da una CPU Intel PXA270 processor 624 MHz. La memoria è di 64 Mb per il primo modello e 128 per il secondo.

Il modello HP iPAQ hw6900

Il modello HP iPAQ hw6900

Nel secondo dispositivo la connettività viene offerta da un dispositivo integrato Wi-Fi (802.11b) e dalla tecnologia Bluetooth® 1.2 mentre per il primo è disponibile anche una porta IrDA, ma soprattutto una antenna integrata Quad band GSM/GPRS/EDGE.

Per quanto riguarda le memorie esterne abbiamo una porta per MiniSD nel caso di iPAQ hw6900 e una SD più una CompactFlash per l’hx2700.

Le dimensioni di entrambi si aggirano intorno a 120 x 75 x 17 mm. con peso complessivo di circa 175 grammi. Tra le note positive ricordiamo lo schermo molto grande, circa 3 pollici e il servizio di assistenza tecnica comune e noto per tutti i prodotti della casa Hp.

Il Nokia N800

Anche il Nokia N800 fa parte di quella famiglia di PDA che non include la possibilità di chiamare o inviare Sms. Tuttavia per potenzialità e prestazioni spesso viene comparato ai nuovissimi modelli di PDA sul mercato, che al contrario, danno all’utente anche la possibilità di telefonare. Rispetto alla versione precedente, lanciata sul mercato nel tecnologicamente lontano 2005, ha acquistato una notevole potenza di calcolo e affinato la sua figura in termini di eleganza ed ergonomia.

Di particolare troviamo la scelta del sistema operativo Linux ufficialmente per fornire agli sviluppatori open source lo stimolo per implementare nuove applicazioni da utilizzare sul proprio Nokia.

Il modello Nokia N800

Il modello Nokia N800

Tra le caratteristiche hardware troviamo, oltre al nuovo processore, anche 128 Mb di Ram, espandibili attraverso due possibili slot per schede di memoria. Gli input dell’utente vengono ricevuti mediante una testiera capacitiva sensibile al tocco e attraverso un touchscreen con risoluzione di 800×480.

Come molti dispositivi mobili, molti sforzi progettuali sono stati utilizzati per fornire a chi li acquista una particolare dote di mobilità. Per questa ragione il Nokia N800 permette di navigare tranquillamente in internet attraverso il dispositivo WiFi integrato e di scambiare dati attraverso il protocollo Bluetooth 2.0. Pur non essendo un cellulare permette quindi di utilizzare tutti quegli strumenti di comunicazione vocale disponibili su web come il servizio Voip del noto software Skype, tagliando allo stesso tempo i costi relativi al gestore di telefonia mobile. Per non creare false illusioni diciamo che chiaramente all’altro capo della comunicazione deve essere presente un altro utente Voip.

I-Mate

La celebre casa costruttrice i-mate propone tra i suoi modelli l’i-mate PDA-N che permette di avere a disposizione anche un ricevitore di segnale GPS integrato nel PDA stesso. In particolare nel pacchetto offre anche il celebre software di navigazione Tom Tom e inserisce in una scheda di memoria SD tutte le informazioni necessarie per poter viaggiare sulle strade italiane.

Tornando alle caratteristiche del prodotto possiamo evidenziare il processore, un Samsung a 300 Mhz e la memoria ram di 128 Mb espandibile di altri 32 Mb. L’output video è garantito da un display LCD retroilluminato da 2,8 pollici con capacità di touchscreen. La risoluzione è di 240 x 320 e i colori pari a 65.536. In termini di connettività possiamo trovare disponibili il protocollo Bluetooth e WiFi 802.11b, oltre al connettore miniUSB e la porta a infrarossi (IrDA).

Per quanto riguarda il software è dotato del classico sistema operativo Windows Mobile 5 Pocket Pc Edition, unito alla suite completa di Office Mobile. Come il precedente fornisce la possibilità di utilizzare fin da subito il software per il Voip Skype. L’hardware del modulo GPS è costituito, per i più esigenti, da 20 canali con chipset SiRFStarIII integrato e il supporto per lo standard NMEA0183 versione 3.0.

Il modello iMate PDA-N

Anche se questi dispositivi possiedono indiscusse capacità di calcolo e di mobilità, il trend del mercato vuole che gli sforzi delle case costruttrici si stiano spostando verso quei PDA che inseriscano al loro interno un ricevitore GPRS per la comunicazione telefonica. Per terminare questo capitolo, tra tutti gli eccelsi risultati in questo ambito, scegliamo il prodotto che più sta facendo parlare di sé: l’Apple iPhone.

iPhone

Il punto di forza di questo concentrato di tecnologia, oltre all’eleganza nel design che contraddistingue tutti i prodotti Apple, è lo schermo. Si tratta di un Lcd da 3,5 pollici multitouchscreen, che, per intenderci, è sensibile al tocco di più dita contemporaneamente. Attraverso questo meccanismo è possibile effettuare velocemente delle operazioni che prima risultavano più macchinose. La risoluzione è di 320×480 a 660 ppi. Oltre che attraverso lo schermo l’utente può interagire con l’iPhone mediante un cursore di controllo posto nella parte bassa dello stesso, mentre sul retro è visibile una videocamera digitale a 2 megapixel.

Il modello iPhone di Apple

Altra funzionalità aggiunta è il meccanismo che rende l’iPhone consapevole dell’orientamento spaziale. In pratica se l’utente lo tiene nella posizione verticale l’iPhone mostrerà le applicazioni nella classica forma, mentre se lo ruota in posizione orizzontale anche le applicazioni cambieranno il loro orientamento e layout per adattarsi al nuovo stato. Questa soluzione, che ad un primo sguardo potrebbe risultare superflua, è in realtà molto utile quando si legge una pagina web o quando si guarda un filmato, o ancora quando si osservano le immagini. Come ciliegina sulla torta, un sensore ambientale adatta la luminosità dello schermo in funzione della luce esterna.

Come ovviamente ci si aspetta il sistema operativo è una versione mobile del più grande Mac OS X. Quello che è certo è che ogni iPhone è dotato di un sistema Gprs quad-band, WiFi 802.11 b/g e bluetooth 2.0, mentre per la memoria su cui salvare anche musica in formato compresso stile iPod le due configurazioni possibili sono da 4 e 8 Gb. Lasciamo al lettore interessato il link alla pagina del sito Apple relativa all’iPhone attraverso il quale è possibile sondare tutte le caratteristiche di questo gioiello tecnologico.