Tratto dallo speciale:

Offerta Wi-Fi: le proposte per l’estate

di Marco Mattioli

scritto il

Una piccola rassegna di proposte di connessioni wireless attivabili durante il periodo estivo, ma non solo. Vediamone alcune

Il periodo estivo è quello che meglio si presta a passare le giornate all’aria aperta e che favorisce i viaggi, contestualmente alle agognate ferie. A seconda del tipo di attività svolta, può esservi la necessità di non troncare completamente i rapporti con il lavoro, anche solo per brevi momenti giornalieri, magari per controllare lo stato di un server remoto, per aggiornare alcuni dati con l’ufficio o per effettuare qualche chiamata VoIP. Prendiamo quindi in considerazione una piccola rassegna di offerte rivolte alla connettività WiFi, tralasciando volutamente quelle legate a profili Internet mobile 3G e rivolte in particolar modo a palmari e smartphone di ultima generazione.

Una prima proposta, a livello locale, giunge dalla società Nettare con Vivi con Nettare, connessione WiFi a banda larga. Le caratteristiche principali, con il costo di 9,00 euro al mese (IVA inclusa) per l’opzione con pagamento mensile:

  • collegamento Internet con velocità massima di 24 Mbps;
  • navigazione flat, 24 ore su 24, nelle zone di coperture disponibili, senza limiti di traffico e di tempo;
  • servizi aggiuntivi gratuiti costituiti da una casella di posta elettronica da 10 MB e dall’assistenza telefonica dedicata.

È in corso una promozione che in pagamento con soluzione unica riduce l’importo da 108,00 euro a 99,00 euro. Il network viene indicato in continua crescita. Al momento è garantita la copertura di Pisa, Lucca e le rispettive province, compresa la Versilia. Sul sito si può accedere all’elenco dettagliato dei luoghi di accesso, che non appaiono comunque numerosi. L’accesso al servizio avviene previa registrazione presso uno dei punti Nettare, a seguito della quale viene rilasciato un nome utente ed una password che identificano univocamente il proprio account.

Restando su coperture di territori non estesi, assume un certo rilievo il progetto di Wi-Fi Communication, azienda che si propone di offrire il servizio in aree di difficile copertura anche con la tecnologia xDSL, a causa di conformazioni geografiche sfavorevoli e di ridotte presenze demografiche. Partendo dalle zone della Lunigiana, della Valle del Vara e della Valle del Taro, i confini sono stati allargati anche alle province di La Spezia, Asti e Cuneo, mettendo a punto un network di reti WiFi. Viene utilizzata anche la tecnologia wireless Hiperlan2 che si propone con una velocità di trasmissione elevata con un throughput in grado di raggiungere i 20 Mbps.

L’offerta rivolta alle aziende è modulata sulle seguenti tariffe mensili (prezzi IVA esclusa):

  • Professional Piccola Impresa: banda fino a 2 Mbps (minima garantita 384/128 Kbps) a 47,00 euro;
  • Professional Premium: banda fino a 2 Mbps (minima garantita 640/128 Kbps) a 55,00 euro;
  • Professional Super: banda fino a 4 Mbps (minima garantita 1280/512 Kbps) a 75,00 euro;
  • Power Business: banda fino a 8 Mbps (minima garantita 1280/512 Kbps) a 150,00 euro.

Vi è, inoltre, la possibilità di attivare linee dedicate da 4 a 10 Mbps con banda minima garantita che può raggiungere 1 Mbps, previa verifica tecnica sui livelli di copertura del segnale. L’attivazione è gratuita ed i costi d’installazione sono quantificabili solo con un sopralluogo gratuito per valutare i componenti necessari e sufficienti alla connessione.

Anche il servizio EOLO di NGI è stato ideato con lo scopo di portare la banda larga nei luoghi difficilmente raggiungibili da tecnologie basate su cavo, con la prospettiva di mettere in piedi una rete di trasporto autonoma. La banda disponibile massima è pari a 12 Mbps in downstream e 8 Mbps in upstream, scegliendo una proposta flat. Al momento sono serviti circa 1.700 Comuni del Nord con 81 ripetitori radio attivi (BTS).

Le specifiche tecniche impongono l’installazione di un’antenna esterna orientata verso uno dei punti di ripetizione del segnale, che viene interfacciata ad un router WiFi con eventuali porte VoIP. È disponibile anche un modello d’antenna a guadagno elevato, nel caso la distanza dal ripetitore sia rilevante. Un eventuale sopralluogo è possibile al costo di 45,00 euro + IVA.

Viene proposta la tariffa a tempo EOLO Time da 2 Mbps in downstream e 256 Kbps in upstream con banda garantita di 128 Kbps. Il costo una tantum è pari a 190,00 euro + IVA e vi sono ricariche da 10 a 150 euro, con un costo traffico pari a 1,60 euro/ora. Le tariffe flat sono suddivise in base all’upstream, che va da 256 Kbps a 8 Mbps. La banda garantita minima è di 128 Kbps e quella massima di 4 Mbps, mentre il downstream va da 3 a 12 Mbps. I costi mensili, tipicamente con installazione gratuita, partono da 26,60 euro + IVA sino ad arrivare a 1.200 euro + IVA.

Linkem propone una copertura in continua espansione su tutto il territorio nazionale e consente di acquistare delle WiFi card con account a tempo giornalieri, validi a scalare dal primo login al servizio e prepagati, ossia validi indipendentemente dal numero di sessioni di collegamento effettuate. Le tariffe giornaliere, IVA inclusa, sono:

  • 1 ora: 6,50 euro;
  • 24 ore: 12,90 euro;
  • 96 ore (4 giorni): 36,90 euro.

Le tariffe prepagate:

  • 10 ore: 25,00 euro;
  • 25 ore: 50,00 euro;
  • 365 giorni (flat): 180,00 euro.

Il traffico dati è sempre da considerarsi illimitato.

TIM offre un servizio WiFi pubblico a consumo, con una tariffazione di 2,00 euro (IVA esclusa) per sessione, avente ciascuna la durata di 15 minuti. La velocità massima di connessione è di 11 Mbps. L’accesso al servizio avviene attraverso gli hotspot di Telecom e Linkem presenti in tutta Italia e particolarmente concentrati in aeroporti, alberghi e centri congressi. Si può accedere all’archivio online in cui effettuare la ricerca dell’area più vicina, suddivisibile per regione, provincia, città, nome e tipologia di hot spot.

L’autenticazione è in generale prevista tramite una password temporanea inviata dal gestore con un SMS al numero di cellulare indicato. A garanzia di ulteriore sicurezza, viene opzionalmente fornito un kit di autenticazione che include una chiave elettronica da collegare al notebook nella quale si inserisce la SIM telefonica che assolve il compito di effettuare l’accesso in rete con le opportune credenziali personali.

Vodafone propone anch’essa un servizio a tempo, con sessioni della durata di 30 minuti l’una al costo di 3,00 euro ciascuna e con addebito anticipato (IVA esclusa). È attivabile l’opzione Data WiFi per accedere con tariffa ridotta:

  • è previsto un contributo bimestrale di 6,00 euro, comprensivo di 3 sessioni da 30 minuti di traffico nazionale;
  • il traffico eccedente viene addebitato a 2,00 euro con sessioni di 30 minuti l’una.

L’accesso è previsto in oltre 1800 hot spot sul territorio nazionale, contrassegnati dal logo Vodafone o da quello Alliance, potendo eseguire la ricerca per città e tipologia di punto di accesso, con i dettagli sulle zone di copertura. I dati di accesso vengono sempre inviati via SMS al cellulare.

Libero offre iPass, soluzione di roaming WiFi anche per chi si trovi all’estero, attivabile gratuitamente da chi possiede già un profilo utente. La tariffazione tiene conto degli effettivi minuti di traffico, con i seguenti costi al minuto (IVA compresa):

  • Italia, Nord America e Asia: 0,11 euro;
  • Europa Occidentale: 0,15 euro;
  • Giappone: 0,07 euro;
  • Resto del mondo: 0,21 euro.

Sono disponibili oltre 80.000 punti di accesso sparsi in tutto il mondo.

Sia sul territorio nazionale che all’estero sono disponibili dei circuiti che offrono hotspot gratuiti, resi possibili da accordi con le realtà commerciali che vi aderiscono, che in cambio possono proporre messaggi pubblicitari attraverso il collegamento con l’utenza. Un esempio giunge dalla società Microbusiness, che con WiFi Hotspot è in grado di coprire punti di accesso dislocati in tutta Italia. È, inoltre, possibile accedere anche al servizio a pagamento erogato da alcuni provider internazionali (come Boingo e Trustive) mediante roaming, consentendo all’utente di selezionare il tipo di connessione ed effettuare la registrazione. Si ha così la possibilità di sfruttare connessioni anche all’estero, aspetto particolarmente significativo se raffrontato ai costi elevati delle tariffe telefoniche dati.

L’accesso avviene con l’ausilio di scratch card con password univoca. Chi desideri far parte del network deve dotarsi di un apparato WiFi a pagamento da installare nel proprio locale o attività commerciale, che viene quindi personalizzato con i dati della struttura richiedente. I punti di accesso sono organizzati in categorie e la loro ricerca può essere effettuata anche con un navigatore satellitare. È inoltre possibile ottenere un file .KML per visualizzare gli hotspot mediante Google Earth. Il network fa parte di free-hotspot.com, che in qualità di maggior fornitore europeo di hotspot gratuiti è in grado di proporre oltre 3.000 punti di accesso.

In tema di ricerca di hotspot nel nostro Paese, Hotspots Wi-Fi Italia mette a disposizione un motore in grado di attingere ad oltre 6.000 record, suddivisi in varie categorie e disponibili a pagamento, free e condivisi. Sarebbe comunque interessante avere una proposta più variegata di flat esclusivamente WiFi, tenuto conto che molti utenti prediligono tuttora l’uso del notebook per navigare sul Web e scaricare la posta elettronica, per ragioni di efficienza, praticità e compatibilità con il parco software.

I Video di PMI

Servizi online della PA: credenziali di accesso