Tratto dallo speciale:

Criptovalute: regole e importi 2023 di iscrizione al Registro OAM

di Teresa Barone

5 Luglio 2023 12:30

L’OAM fissa il contributo annuale da versare per l’iscrizione al Registro degli operatori in valuta virtuale.

L’OAM, l’Organismo per gli Agenti in attività finanziaria e Mediatori creditizi, comunica che è entrato a regime il sistema contributivo per gli operatori in valute virtuali, chiamati a iscriversi all’apposito registro.

Il contributo annuale da versare è stato calcolato tenendo conto delle dimensioni operative dei prestatori di servizi e del numero dei clienti precedentemente comunicati.

Contributo annuale per iscritti al registro OAM

È una circolare ad hoc a dettare regole precise, aggiornando un testo precedente in cui veniva indicato un contributo una tantum.

Adesso, è prevista una quota fissa da versare, che si differenzia in base alla personalità fisica o giuridica del prestatore, più una quota variabile commisurata al numero di clienti trasmessi nel trimestre di riferimento.

I contributi complessivi devono essere versati trimestralmente sulla base dei dati del trimestre precedente. Ecco una sintesi delle quote da versare.

Importo quota fissa

  • persone fisiche: 200 euro (4 rate trimestrali da 50 euro ciascuna);
  • soggetti diversi dalle persone fisiche: 1500 euro (4 rate trimestrali da 375 euro ciascuna).

Importo quota variabile

  • persone fisiche: 0,10 euro per cliente;
  • soggetti diversi dalle persone fisiche: 0,10 euro per cliente.

In caso di trasmissioni con un numero di clienti compreso tra uno e 500, infine, si applica una franchigia di 50 euro per la quota variabile del corrispondente trimestre di riferimento.