Tratto dallo speciale:

Formazione digitale e green per cogliere le opportunità del PNRR

di Redazione PMI.it

scritto il

Il programma Microsoft per potenziare le skills digitali e green attraverso un programma di formazione e riqualificazione professionale tramite partner.

Il piano Ambizione Italia #DigitalRestart promosso da Microsoft ha finora raggiunto 2 milioni di persone, coinvolte nei percorsi di formazione e riqualificazione professionale volti a sostenere il rilancio e la crescita del Paese, anche attraverso il potenziamento delle competenze digitali. Ed entro settembre 2022, il colosso tech punta a formarne 3 milioni, come annunciato in occasione dell’evento “Microsoft Skilling: le nuove competenze che fanno crescere l’Italia”.

Oggi è importante investire sulle skills digitali, che secondo Silvia Candiani, Amministratore Delegato di Microsoft Italia, si rivelano utili anche per cogliere le opportunità offerte dai fondi del PNRR.

Servono esperti in AI, Cloud, Cybersecurity d Green Tech per far leva sul digitale e garantire un business più sostenibile, sfida globale urgente.

Tra i diversi partner sul territorio che offrono orientamento, skilling e reskilling, c’è anche ESGAcademy, che dal prossimo anno erogherà il primo corso di formazione che integra moduli per l’acquisizione di competenze digitali e nozioni legate alla sostenibilità, in modalità self learning e webcast, permettendo ad imprese e lavoratori di avvicinarsi al mondo green per supportare le organizzazioni nella sfida legata alla conquista di un mondo più sostenibile.

A breve partiranno a Bari, Milano, Roma, Padova, Napoli e Torino anche nuovi corsi per diventare sviluppatore in collaborazione con Generation Italy, la fondazione no-profit fondata nel 2014 da McKinsey & Company. Sono percorsi della durata di 14 settimane mirati a formare figure professionali in grado creare siti e applicazioni web.

Oltre a confermare la partnership con Unicredit, Microsoft prosegue infine la collaborazione con CRUI (Conferenza dei Rettori delle Università Italiane) per creare un ponte tra Università e imprese, aiutando l’inserimento dei giovani nel mercato del lavoro attraverso una formazione digitale mirata.