Tratto dallo speciale:

THRON, il Made in Italy digitale

di Barbara Weisz

scritto il

Un'azienda giovane del Veneto proiettata su scala internazionale, una piattaforma di Digital asset management che estrae valore e dati dai contenuti: a Campus party, una case history di Made in Italy digitale e un'azienda che assume.

Un’impresa del software che sorge nel cuore di una delle zone industriali d’Italia a più alto tasso di PMI, il Veneto, e che ha declinato il concetto di Made in Italy in ottica di digitalizzazione. Mettendo sul mercato una tecnologia che utilizza l’intelligenza artificiale per “rendere intelligenti i contenuti”, siano essi filmati, foto, audio, testi. Tutto sviluppato in Italia, per la precisione a Piazzola sul Brenta, in provincia di Padova. Abbiamo parlato di queste tecnologie e della loro applicazione in ambito business con gli sviluppatori di THRON Alessandro Grosselle e Alessandro Ferlin a margine del workshop dedicato a “Costruire un sistema scalabile di conversione immagini in modo moderno“, nel corso di Campus Party 2018.

DAM Intelligente

Il prodotto è un DAM Intelligente, un Digital asset management che rende intelligenti i contenuti.

Significa sostanzialmente classificarli e massimizzarne il valore, usandoli come ponte per arrivare ai clienti, ma anche come cartina tornasole per sapere cosa i clienti si aspettano dal brand.

La piattaforma utilizza intelligenza artificiale per estrarre dati dai contenuti che il cliente produce, sia in termini di argomenti trattati sia in termini di caratteristiche qualitative del contenuto, come ad esempio il tono di voce o il target di riferimento.

Dati facilmente reperibili e riutilizzabili nel tempo, che diventano veri e propri strumenti in grado di restituire informazioni strategiche sugli interessi e preferenze degli utenti. Questi dati di prima parte sono fondamentali per instaurare una comunicazione personalizzata che aumenta il coinvolgimento delle persone e, infine, delle vendite.

Uno strumento di marketing, in modalità as a service, che permette alle aziende di ridurre al minimo tutti i costi di gestione dei contenuti, di avere dati, e di personalizzare la comunicazione. Con questo obiettivo si utilizzano gli strumenti di intelligenza artificiale.

Il DAM permette di accentrare tutti i contenuti aziendali, classificarli in modo automatico grazie all’AI, pubblicarli in modo controllato in tutti i canali, permettendo così di raccogliere dati rilevanti sugli interessi delle persone e sfruttando algoritmi di machine learning per personalizzare la comunicazione e aumentare il coinvolgimento su tutti i canali aziendali.

La piattaforma si integra con tutti i principali software aziendali, Erp e Cms.

Un’azienda giovane, con poco più di dieci anni di vita, ma affermata, con sedi a Milano, Londra, e Shanghai. La piattaforma è interamente sviluppata al proprio interno, nella sede di Piazzola sul Brenta. Dunque, un Made in Italy digitale che si sta conquistando segmenti di mercato anche internazionale. La piattaforma è stata inserita nel 2016 e nel 2017 fra i venti migliori DAM a livello internazionale dalla società di ricerca Forrester.

THRON, posizioni aperte

Proprio a Campus Party, THRON ha annunciato che assume. Fra le ricerche in corso, sono aperte le selezioni per due Back-End Developer, di cui uno da inserire nel team di Artificial Intelligence, per un Front-End Developer e per un Devops Engineer con specifica formazione su AWS. Come si vede, profili tecnici, adatti alla platea dell’evento milanese che ha riunito giovani da tutta Italia e speaker internazionali impegnati nello sviluppo digitale e nell’innovazione. Un’occasione che ha consentito anche un utile condivisione fra colleghi, spiegano Grosselle e Ferlin.

Sulla pagina Careers del sito THRON ci sono i dettagli sulle posizioni aperte e si possono inviare le candidature. L’azienda offre la possibilità di lavorare in un ambiente giovane ma altamente professionale, organizzato in team orizzontali che puntano al confronto e alla crescita. Si lavora per top brand a livello mondiale che consentono di utilizzare moderne tecnologie e applicarle su larga scala internazionale.