Periferiche connesse sulla rete elettrica

di Paolo Iasevoli

scritto il

Grazie alla tecnologia "powerline" sarà possibile sfruttare la rete elettrica dell'azienda per connettere periferiche USB a computer remoti

La stampante è in una stanza, il computer a cui è collegata è in un’altra. Una configurazione tutt’altro che rara da vedersi negli uffici.

Quello che la società canadese Icron punta a cambiare non è il risultato, ma il modo attraverso cui raggiungerlo. Simili infrastrutture, per quanto semplici essi siano, poggiano su una rete LAN, via cavo o wireless, che permette ai computer di comunicare tra loro e con periferiche condivise, come appunto una stampante.

Grazie alla tecnologia “powerline” Icron sposta tutto sulla rete elettrica: ogni periferica USB sarà infatti collegabile a qualsiasi pc tramite un HUB conesso alla presa della corrente. I dati viaggeranno così sul cavo elettrico, che diventerà una sorta di “prolunga” ad unire computer e periferiche.

La velocità di trasferimento dichiarata da Icron è di 190 Mbit al secondo, circa la metà dell’attuale standard USB 2.0. Tuttavia l’azienda canadese potrebbe riservare più di una sorpresa nel futuro, essendosi già distinta per la trasmissione di dati a distanza su reti Ultra-Wide Band, usata dallo standard Wireless USB.

Non resta che attendere la fine dell’anno per provare “su strada” il nuovo prodotto di Icron.