Brunetta, ed è subito Banda Larga. L’intervista di WebNews

di Giacomo Dotta

scritto il

WebNews (Gruppo HTML) ha intervistato in esclusiva il Ministro per l'Innovazione Renato Brunetta sui piani di implementazione della banda larga nel Paese: 2Mbps per tutti davvero entro il 2010?

Un’intervista esclusiva di Webnews.it a Renato Brunetta, Ministro per la PA e l’Innovazione – di cui vi proponiamo una sintesi – chiarisce prospettive e piani di Governo da qui al 2010, confermando le opportunità concrete che la Banda Larga a 2Mbps per tutti può portare all’economia del Paese e offrendo alle aziende una freccia in più al proprio arco.

La Banda Larga è qualcosa di invocato in ogni forma e da ogni parte sociale: Brunetta con il proprio appello non ha fatto altro che abbracciare la domanda proveniente di recente anche da Confindustria. […] Dal Ministro che abbiamo ricevuto non solo i chiarimenti richiesti, ma anche un ulteriore innalzamento degli obiettivi. Obiettivi fatti di banda larga e di fibra, di digital divide azzerato e di nuove opportunità.

Webnews.it: Signor Ministro, nei giorni scorsi si è appresa la sua precisa volontà di portare 2 Mbps entro il 2010 a tutti gli italiani. La sua è una indicazione di indirizzo o conta realmente di poter raggiungere l’obiettivo entro il prossimo anno?

Ministro Brunetta: La questione della banda larga è centrale per lo sviluppo dei servizi di e-government. […] Oggi il 13% della popolazione – 7,8 milioni di italiani – non ha una connessione a Internet o ha una banda insufficiente. Questo digital divide va eliminato. Bisogna fare in modo che tutti – dico tutti – i cittadini possano avere una connessione adeguata alla rete.

Nei mesi passati, per risolvere questi problemi, il viceministro per le Comunicazioni Paolo Romani e io abbiamo messo a punto il piano “Cittadinanza digitale” […]. In quel piano viene indicato come a tutti i cittadini – nessuno escluso – debba essere data la possibilità di connettersi alla rete a non meno di 2Mbit/s.

Ma attenzione: il programma non si ferma qui ma prevede anche di estendere l’attuale copertura in fibra ottica, offrendo al 95,6% della popolazione italiana un servizio sino a 20 Mbit/s. Le risorse per fare tutto questo ci sono. Prevedo siano presto rese disponibili per l’avvio dei cantieri, così da poter realizzare gli obiettivi nei tempi previsti.

Primo problema: i fondi

Webnews.it: In una recente intervista concessaci da Viviane Reding, il Commissario Europeo ha spiegato che “l’Italia sta facendo buon uso” dei fondi provenienti dall’UE (90 milioni già allocati). Per quanto riguarda invece i fondi nazionali, a che punto è la situazione visto che il sottosegretario Romani ha dichiarato che “se non sarà Tremonti a darci i soldi per la banda larga li troveremo sul mercato”? I privati stanno facendo la propria parte?

Ministro Brunetta: […] Ora che dai mercati internazionali giungono segnali che indicano che il peggio sembra essere passato, serve avviare subito interventi di modernizzazione del Paese […] che mettano il sistema nelle condizioni di beneficiare prontamente del nuovo trend di ripresa.

Come ho già avuto modo di dire, le risorse pubbliche ci sono e verranno presto messe a disposizione per un avvio immediato dei lavori. Questo non vuol dire però che non ci sia spazio per la finanza privata.

Anzi: sviluppare la banda larga senza coinvolgere il settore privato sarebbe sbagliato. Qualcuno potrebbe osservare che in questa fase gli operatori hanno tenuto un profilo di grande prudenza. In parte, visti i chiari di luna, posso anche capirli. Ora che però il clima sembra rasserenarsi tutti, privati compresi, debbono ricominciare a svolgere il proprio ruolo.

Secondo problema: la tecnologia

Webnews.it: Portare la banda larga in alcune zone ove la Rete non è in grado di fornire il servizio necessario implica scavi, installazioni, accordi con gli operatori. Ritiene che sussistano le condizioni per abbattere questi ostacoli in pochi mesi? E di conseguenza: è ipotizzabile anche per l’Italia (come in Finlandia o nel Regno Unito) l’inserimento di 2Mbit/s di banda all’interno del Servizio Universale in tempi brevi?

Ministro Brunetta: Certamente portare la banda larga a tutti gli italiani rappresenta un’operazione complessa, anche dal punto di vista tecnico-organizzativo. È tuttavia l’intero settore delle telecomunicazioni a essere interessato dall’operazione. Per realizzare quanto previsto dal piano saranno chiamati a scendere in campo i grandi operatori nazionali con i loro patrimoni di tecnologia, di esperienza, di organizzazione. I problemi da risolvere saranno certamente molti, ma francamente non mi sembra che vi siano ostacoli tali da poter giustificare dei ritardi nel perseguimento degli obiettivi che ci siamo posti.

Una volta creata la nuova rete, però, la stessa dovrà incontrare una domanda più matura da parte della popolazione e, allo stesso tempo, necessiterà di regolamentazione e attenzioni ulteriori. Per questo siamo andati oltre nelle domande, cercando di definire il contesto nel quale la la banda larga andrà a proporre le proprie opportunità.

Stimolare la domanda

Webnews.it: Secondo gli ultimi dati, il 45% degli italiani ha mai avuto accesso a Internet. Lei, oltre alla banda larga, ha promesso di portare i Pc ove non sono ancora arrivati. È già stato oggetto di valutazione il modo in cui si potrà procedere per stimolare l’uso dei Pc da parte dei cittadini oggi lontani dallo strumento? Entro i prossimi anni, a suo avviso, in che misura potrà essere rivista questa percentuale?

Ministro Brunetta: Oltre a quello della banda larga, nel nostro Paese esiste la questione del digital divide culturale […]. Oggi però la stessa tecnologia offre soluzioni anche a questi problemi.

Un esempio: la telefonia mobile. I dati parlano chiaro. In Italia oltre 3 famiglie italiane su 4 usano il telefono cellulare, a testimonianza di come, nel tempo, questa tecnologia sia diventata davvero alla portata di tutti, anziani compresi.

Laddove possibile, si può dunque immaginare l’utilizzo di questa tecnologia per rendere accessibile i servizi di e-gov anche a chi ha più difficoltà a usare Internet.

Un esempio simile è quello del digitale terrestre. Anche qui siamo di fronte a una tecnologia estremamente diffusa. E anche in questo caso è possibile immaginare questa stessa tecnologia come mezzo per dare ai servizi di e-government quel grado di diffusione che l’accesso a Internet, da solo, non è in grado di assicurare.

I Video di PMI

Google Analytics: attenzione alla Frequenza di Rimbalzo!