Norvegia: conferenza su eID e servizi elettronici

di Roberta Donofrio

scritto il

Porvoo Group ha indetto la tredicesima conferenza per promuovere lo sviluppo dell'identità elettronica interoperabile. Intervengono delegazioni governative di Europa, Asia e Stati Uniti

Sono l’eServices e l’identità elettronica europea i temi affrontati in questi giorni nella conferenza tenuta in Norvegia dal Porvoo Group.

La comune identità elettronica in Europa garantisce una identificazione senza frontiere di un cittadino affinché possa interagire con servizi privati o pubblici come se si trovasse nel loro paese di appartenza.

Porvoo Group è una rete di cooperazione internazionale il cui obiettivo primario è proprio quello di promuovere una identità elettronica interoperabile basata sulla tecnologia PKI (Public Key Infrastructure), smart cards e carte di identità a chip, per garantire transazioni elettroniche pubbliche e private sicure.

Gli incontri del Porvoo Group della durata di 2 giorni (9-10 Aprile) si tengono ogni sei mesi per discutere sullo stato della Società dell’informazione, sulle “buone pratiche”, gli sviluppi e le sfide che si stanno portando avanti in specifiche aree chiave di interesse per la e-ID interoperabile.

L’evento è organizzato dal Brønnøysund Register Center e dal Population Register Center, rispettivamente i centri di registrazione informatica della Norvegia e della Finlandia, vede la partecipazione di numerosi rappresentanti governativi di paesi europei nonché la Commissione Europea.

Durante la conferenza saranno affrontate le questioni dell’utilizzo delle eID in Norvegia, progetti regionali in Europa, Asia e negli Stati Uniti e le iniziative previste per il 2010 della Commissione europea sul riconoscimento dell’identità elettronica ed interoperabilità nell’eGovernment.
Saranno inoltre esaminati casi nazionali di sviluppo di eID dei Paesi Bassi, Spagna, Belgio e Polonia per valutare i problemi relativi alla gestione dell’ identità, agli aspetti di utilizzabilità e standardizzazione.

I Video di PMI

Come scegliere il contenuto giusto sui social