BlackBerry Enterprise Solution: piattaforma sicura e a basso TCO

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

Secondo lo studio “TCO & Security of Enterprise Grade Mobility“, commissionato da Research In Motion (RIM) e condotto da Strategy Analytics, BlackBerry Enterprise Solution risulta la piattaforma mobile più sicura e anche quella a più basso TCO (Total Cost of Ownership) per i telefoni aziendali.

=> Leggi tutte le novità  business del Blackberry

Lo studio ha esaminato 100 smartphone ad un livello di sicurezza IL2 – lo standard minimo per tutti gli enti governativi, incluse scuole, ospedali ed enti locali – e ha messo a confronto i due approcci raccomandati per la gestione dei sistemi mobili: BlackBerry Enterprise Solution e un approccio ‘Walled Garden' in cui ogni device non-BlackBerry accede tramite VPN ad una zona sicura e delimitata di una rete e viene gestito da un software amministrativo di terze parti.

Ne è emerso che dopo un anno il costo di gestione dei device non-BlackBerry attraverso un'architettura “Walled Garden” è risultato il 39% più costoso dei dispositivi BlackBerry in un sistema BlackBerry Enterprise Server (BES). L'analisi ha inoltre indicato che l'approccio “Walled Garden” continua a mostrare un aumento dei costi anche negli anni successivi.

=> Confronta il BlackBerry 10 con l’iPhone 5

Strategy Analytics ha inoltre confrontato il livello di sicurezza dei sistemi operativi BlackBerry 7, Apple iOS 5, Symbian S60, Windows Phone 7 e Android, utilizzando un set di 11 minacce alla sicurezza. Il report mette in evidenza come l'architettura integrata della soluzione BlackBerry, che comprende il criptaggio dei dati sia in memoria che in transito, diminuisca effettivamente il rischio e offre un supporto essenziale per le policy IT aziendali.

In pratica, Blackberry passa tutti i test tranne (ovviamente) quello relativo a debolezze insite nei software. Windows Phone 7 e Symbian passano solamente 4 test, 3 per iOS e Android, come fanalino di coda, riesce a mostrare un basso rischio solamente nel caso di 2 minacce su 11.