iPhone e VoIP di Skype sul 3G: conviene?

di Filippo Vendrame

scritto il

Skype negli ultimi anni ha saputo ritagliarsi un ruolo importante nella vita di un professionista, soprattutto per chi lavora molto in mobilità .
Le tariffe vantaggiose e la possibilità  di chiamare gratis i colleghi utenti Skype ha fatto sì che questa piattaforma VoIP diventasse in molti casi il principale strumento di comunicazione in ufficio.

Gli estimatori del noto smartphone iPhone, però, hanno sempre sentito la mancanza del pieno supporto a Skype che come noto poteva essere utilizzato per chiamare solo sotto rete Wi-Fi. Proprio per questo, e grazie alla possibilità  data da Apple di sfruttare il VoIP over 3G, Skype ha rilasciato un aggiornamento del suo client per iPhone ed iPod Touch che consente di sfruttare finalmente tutti i servizi VoIP.

skypeDunque viene concessa finalmente la possibilità  di effettuare e ricevere chiamate anche in piena mobilità  sfruttando il supporto 3G. Ma non basta perché Skype ha migliorato la qualità  delle chiamate proponendo un nuovo codec audio.

C’è però un punto interrogativo su questo aggiornamento. Il primo punto del change log recita infatti:

Possibilità  di effettuare e ricevere chiamate sotto rete 3G. Le chiamate Skype-to-Skype saranno gratuite fino alla fine del 2010; in seguito è prevista una tariffa mensile soggetta ai costi di navigazione del proprio operatore.

In poche parole, le chiamate tra utenti Skype effettuate sotto rete 3G verranno fatte pagare. Un cosa questa molto insolita, visto che uno dei punti di forza di Skype è sempre stato l’assenza di costi per le chiamate tra utenti dello stesso circuito.

Non si capisce dunque il perché di questo cambio di rotta e se può essere motivato come segnale di guerra tra gestori per il VoIP over 3G.
Le proteste si sono fatte sentire da subito, tanto che l’estensione a fine anno è seguita a stretto giro alla prima indicazione, che voleva la scadenza del periodo di servizio gratuito a fine agosto 2010: la nuova data è stata comunicata via blog, poi si vedrà …