Tratto dallo speciale:

INPS: come evitare le truffe

di Redazione PMI.it

scritto il

Dal phishing alle truffe telefoniche fino ai falsi funzionari porta a porta: dall’INPS il prontuario per difendersi dalle frodi.

L’INPS ha pubblicato un vademecum per gestire i tentativi di truffa che possono arrivare da vari fronti: online, telefonico e fisico, fornendo strumenti e consigli utili per difendersi, anche sulla base delle segnalazioni inviate all’istituto dagli stessi utenti.

Il phishing è un tipo di frode informatica che mira al furto dei dati sensibili, veicolata spesso attraverso false email che riportano erroneamente il logo dell’INPS e invitano ad aggiornare i propri dati personali o le proprie coordinate bancarie. Un esempio è dato da email di phishing finalizzate a sottrarre i dati della carta di credito con la falsa motivazione del pagamento del Bonus 600 euro o di altre indennità Covid-19.

=> False email INPS: ecco la nuova truffa

Da tenere sotto controllo sono anche gli SMS che inducono ad aprire un link per aggiornare la propria domanda Covid-19. Per quanto riguarda le truffe telefoniche, gli utenti hanno anche segnalato la ricezione di una telefonata nel corso da parte di un finto operatore telefonico INPS.

=> Vishing, truffa telefonica con email ed SMS

L’INPS, inoltre, sottolinea l’importanza di diffidare da falsi funzionari che possono presentarsi presso le abitazioni, ricordando che l’Istituto non invia incaricati presso il domicilio degli utenti. Molta attenzione deve essere riposta anche nel caso di società d’intermediazione finanziaria che pubblicizzano, prestiti “convenzionati” con l’Istituto, utilizzando gli SMS, precisando che non vi è nessun legame con l’INPS.

In sintesi, l’Istituto ricorda agli utenti di affidarsi al portale istituzionale per ottenere informazioni sulle prestazioni dell’Istituto, evitando di fornire le proprie coordinate bancarie via email o telefono.