Comune di Milazzo: il nuovo look del sito incrementa i contatti

di Marina Mancini

scritto il

Online dallo scorso settembre la nuova realize grafica del sito del Comune di Milazzo ha triplicato le visite

Il nuovo look grafico del sito del Comune di Milazzo ha contribuito ad accrescere il numero degli accessi al portale.

A realizzare il sito Web il webmaster, Gerardo Grasso, che ha creato la nuova versione del portale comunale, coadiuvato dalla responsabile del progetto Maria Padalino.

www.comune.milazzo.me.it è stato pubblicato il 7 settembre del 2007, e da quando è online la nuova realize grafica del sito del Comune messinese pare che gli accessi siano triplicati.

La nuova versione più accattivante ha fatto si che dai 4300 accessi di settembre 2007 si sia arrivati agli oltre 14 mila del mese di maggio 2008.

A comunicarlo l’ufficio
stampa del comune
in un comunicato in cui spiega che sono più che triplicate le visite al nuovo sito istituzionale del Comune di Milazzo che dopo il restyling dello scorso anno, è diventato sempre più riferimento non solo per i cittadini, ma anche per i navigatori di tutto il mondo che ricercano notizie su Milazzo.

Sia le statistiche comparative (mese-mese) sia quelle proiettate sul totale dei visitatori (ad oggi quasi 105 mila) – continua il comunicato – confermano
la bontà di un progetto che guarda al futuro.

C’è ancora da lavorare in quanto ad accessibilità e a rispondenza del dettato delle norme della
legge 4/2004
, la legge Stanca, ma il portale di Milazzo oltre a presentare un nuovo look grafico, è stato costruito attorno alle esigenze informative della città e dei suoi navigatori e si presenta piuttosto usabile grazie ad una grafica chiara ed un’architettura delle informazioni piuttosto fruibile.

Il sito è aggiornato in tempo reale grazie anche alla collaborazione tra webmaster e ufficio stampa che fornisce tutte le notizie sull’attività istituzionale dell’ente, ma è anche uno strumento di promozione della città e di informazione turistica.

Prossimo step la messa online delle sedute del Consiglio comunale oltre
all’inserimento in apposite sezioni di una serie di documenti per diminuire la
circolazione del cartaceo e favorire l’uso della versione digitale.