Immigrati, la registrazione sarà solo on-line

di Claudio Mastroianni

scritto il

Sarà pubblicato in settimana il Decreto che darà il via alle assunzioni dei lavoratori immigrati: 170.000 i posti a disposizione, premiato chi arriva primo

Potranno cominciare il 1° di Dicembre le registrazioni e le regolarizzazioni degli immigrati extracomunitari con un contratto di lavoro in Italia. A stabilirlo è stato un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri firmato da Romano Prodi lo scorso 30 Ottobre, che introdurrà una grossa novità: la compilazione e consegna dei moduli necessari sarà possibile solo on-line.

Per ovviare alle lunge file agli uffici postali degli scorsi anni, infatti, il decreto prevede una procedura telematica per l’invio delle domande di regolarizzazione da parte dei datori di lavoro, imprese o privati.

Gli interessati dovranno infatti scaricare un programma messo a disposizione sul sito del Ministero dell’Interno, e a partire dal giorno successivo alla pubblicazione del decreto sulla Gazzetta Ufficiale – prevista per il prossimo venerdì – potranno cominciare a inviare le domande.

Il tempismo sarà fondamentale: i posti a disposizione sono infatti 170.000, e per la loro assegnazione varrà un criterio di priorità cronologica. Chi arriverà in ritardo rischia così di non poter regolarizzare il proprio dipendente.

Per impedire la congestione dei sistemi informatici, il Ministero dell’Interno ha previsto tre diversi scaglioni per l’invio delle richieste:

  • dal 15 Dicembre sarà possibile inviare le domande solo per quei lavoratori provenienti da paesi che hanno stretto accordi migratori con l’Italia;
  • il 18 Dicembre sarà la volta di collaboratori domestici e assistenti sociali, a cui saranno riservati 65.000 posti
  • il 21 Dicembre toccherà infine a tutti gli altri lavoratori extracomunitari

Fin da subito, invece, sarà possibile scaricare il software che permetterà il collegamento col Ministero, per abituarsi all’applicativo e permettere – dal primo al 14 Dicembre – la precompilazione delle domande.

I Video di PMI

I Gruppi saranno il futuro di Facebook?