Friuli Venezia Giulia: 2 milioni per l’e-government

di Paolo Iasevoli

scritto il

La Regione ha presentato il suo piano strategico per l'e-government: 2,2 milioni di euro che nei prossimi 8 mesi porteranno a un'ampia e innovativa offerta di servizi online

Il Friuli Venezia Giulia punta a diventare una regione all’avanguardia per gli strumenti di e-government, e per realizzare il suo obiettivo ha presentato, la scorsa settimana, un piano strategico subito divenuto operativo.

La nuova offerta di servizi online che la Regione punta a rendere disponibili per i propri cittadini è basata sulla CRS, la Carta regionale dei Servizi, comunemente conosciuta come “tessera sanitaria”. Secondo Gianni Pecol Cominotto, assessore regionale ai servizi informatici, la scelta potrebbe rivelarsi vincente.

«Su 1,2 milioni di tessere distribuite ne sono state abilitate, fino ad oggi, 450 mila, mentre sono 20 mila i lettori di smart card distribuiti gratuitamente ai cittadini che ne hanno fatto richiesta; sono già disponibili 12 servizi on-line e da febbraio ad oggi sono stati registrati già 230 mila accessi ed erogati 160 mila servizi. Quindi circa 650 accessi al giorno in media».

I 37 nuovi servizi che saranno istituiti da qui al prossimo Aprile, saranno tutti accessibili tramite la CRS e riguarderanno tutti gli ambiti della Pubblica Amministrazione. Per avvicinare enti e cittadini in modo sicuro, inoltre saranno offerte caselle di posta elettronica apposite e sarà attivato, a partire dal Comune di Pordenone, il progetto “Wireless Naonis” per garantire a tutti la copertura wi-fi.

I primi servizi disponibili dovrebbero riguardare l’accesso online a tutte le pratiche di erogazione del mutuo casa, unitamente all’acquisto di buoni pasto e servizi di mensa scolastica. Nei piani della Regione, questo è solo il primo passo per un più complesso sistema di transizioni online che prossimamente potrebbe interessare altre numerose iniziative, come l’acquisto di biglietti per eventi sportivi e cinema.

Novità anche sul fronte istruzione con l’introduzione del registro di classe elettronico, già sperimentato in 4 scuole pilota, che consentirà ai genitori di controllare costantemente l’andamento scolastico dei propri figli direttamente da internet.

Sempre tramite Web saranno accessibili tutti i più importanti servizi sanitari: prenotazioni di esami e visite mediche, vaccinazioni, prescrizioni di farmaci e certificati, fino alla possibilità di inviare messaggi al proprio medico di famiglia.