Carta d’Identità Elettronica: come ottenere la CIE e come utilizzarla

di Noemi Ricci

scritto il

Carta d'Identità Elettronica (CIE) per l'accesso ai servizi web delle Pubbliche Amministrazioni abilitate: come funziona e come richiederla anche online.

La Carta di Identità Elettronica diventa sempre più una realtà in Italia. E’ stato l’articolo 10, comma 3 del dl n.78/2015 recante “Disposizioni urgenti in materia di enti territoriali”, convertito dalla legge 6 agosto 2015, n. 125, ad introdurre la nuova Carta di Identità Elettronica (CIE) con funzioni di identificazione del cittadino per i servizi online delle Pubbliche Amministrazioni abilitate (“Entra con CIE”).

Come funziona la CIE

La CIE viene realizzata con tecniche tipiche della produzione di carte valori: dispone di un microprocessore contactless per la memorizzazione delle informazioni volte alla verifica dell’identità del titolare, (inclusi elementi biometrici primari e secondari) e all’autenticazione in rete.

Obiettivo: incrementare i livelli di sicurezza con l’adeguamento delle caratteristiche del supporto agli standard internazionali anticlonazione e anticontraffazione in materia di documenti elettronici.

Come ottenere la Carta d’Identità Elettronica

È possibile richiedere la CIE alla scadenza della propria carta d’identità cartacea o elettronica o nel caso di furto, smarrimento o deterioramento del documento. Si può richiedere anche prima della scadenza naturale del precedente documento per i cittadini in possesso di una carta identità cartacea o di una Carta di Identità Elettronica di prima o seconda generazione.

Al portale Cartaidentita.interno.gov.it è possibile trovare tutte le informazioni utili per la presentazione della domanda di rilascio della CIE (con fototessera su USB), prenotare l’appuntamento con gli uffici comunali ed indicare l’indirizzo di consegna della CIE. Alcuni Comuni hanno un sistema di prenotazione online (“Prenotazioni CIE”) per chi ha la residenza o il domicilio, da questo link. In alternativa si deve contattare il proprio Comune e prenotare un appuntamento al telefono o via internet.

Il rilascio della CIE ha un costo fisso di 16,79 euro, che può essere maggiore nei Comuni che prevedono costi di segreteria e diritti fissi. La validità della CIE varia: 3 anni per i minori che hanno meno di 3 anni di età; 5 anni per i minori con un’età compresa tra i 3 e i 18 anni; 10 anni per tutti gli altri.

N.B: Una volta abilitati all’emissione della Carta di Identità Elettronica, i Comuni non possono più rilasciare la vecchia versione cartacea, tranne in alcuni casi eccezionali di comprovata urgenza. I cittadini residenti all’estero devono invece richiederla presso il Consolato seguendo le istruzioni sul sito del Ministero degli Affari Esteri

Come usare la CIE

Completata la procedura di richiesta, si riceve la nuova CIE all’indirizzo indicato entro 6 giorni lavorativi. Con la propria CIE, in molti casi è possibile accedere ai servizi telematici della Pubblica Istruzione in alternativa all’accesso con SPID.

Ad esempio, si può utilizzare per l’accesso ai servizi INPS o Agenzia delle Entrate dal proprio computer, collegando un lettore NFC per smartcard tramite USB) dopo aver installato il Software CIE (che si può scaricare sempre dal sito: https://www.cartaidentita.interno.gov.it). Per l’accesso si clicca su “accedi con CIE” e si seguono le istruzioni. Si può anche utilizzare direttamente l’applicazione mobile CIE ID.