Tratto dallo speciale:

Insegnanti: flat tax sulle lezioni private

di Teresa Barone

scritto il

Novità sul regime fiscale che regola le lezioni private impartite dai docenti: aliquota fissa del 15% con la Legge di Bilancio 2019.

La Legge di Bilancio 2019 introduce alcuni cambiamenti relativi al regime fiscale che regola le lezioni private impartite dagli insegnanti in ambito extrascolastico. Secondo le nuove regole, dettate dall’articolo 1 (dal comma 13 in poi), è prevista la flat tax anche per i docenti che impartiscono ripetizioni e lezioni di recupero.

=> Nuove professioni: solo lo Stato può istituirle

A decorrere  dal  1°  gennaio  2019,  ai  compensi derivanti dall’attività di lezioni private e ripetizioni, svolta  dai  docenti titolari di cattedre nelle scuole di ogni ordine e grado, si  applica un’imposta sostitutiva dell’imposta sul reddito delle persone fisiche e delle addizionali regionali e comunali con l’aliquota  del  15  per cento, salva opzione per l’applicazione dell’imposta sul reddito  nei modi ordinari.

L’obiettivo della normativa – cha abbassa l’aliquota portandola al 15% fisso – è quello di far emergere il sommerso, tenendo conto dal volume di risorse generato dagli insegnanti che si dedicano a tale attività: secondo uno studio promosso dalla Fondazione Einaudi, infatti, del volume pari a circa un miliardo di euro solo il 10% viene regolarmente dichiarato dai docenti. In pratica, il 90% delle lezioni private non verrebbe dichiarato al fisco.

La reazione da parte dell’ANIEF (Associazione Nazionale Insegnanti e Formatori) è di palese perplessità, come sottolinea il Presidente Marcello Pacifico:

Anziché tassare le ripetizioni degli insegnanti meno pagati d’Europa, dopo Grecia e Paesi dell’Est, per eliminare la piaga dei corsi in nero sarebbe stato decisamente meglio disporre ulteriori finanziamenti per incrementare i corsi di recupero anche attraverso l’utilizzo del personale su organico potenziato.