Facebook sbarca in Borsa il 18 maggio

di Floriana Giambarresi

scritto il

Facebook sbarcherà in Borsa, al NASDAQ, il 18 maggio, secondo quanto riferisce il WSJ: Mark Zuckerberg presenzierà al roadshow.

È partito il conto alla rovescia per lo sbarco di Facebook in Borsa, al NASDAQ, che è previsto per il 18 maggio secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, che ha diramato alcuni dettagli circa l’imminente operazione.

Secondo fonti anonime ma ben informate sui piani del team di Mark Zuckerberg, le scadenze potrebbero slittare di un giorno o due, ma non di più. Mancherebbero dunque ormai 2 settimane per vedere quotato il titolo FB, e nonostante gli aggiornamenti condivisi alla Securities and Exchange Commission circa il prospetto di quotazione e l’acquisizione recentemente finalizzata di Instagram, l’azienda di Palo Alto dovrebbe quindi mantenersi nei ritardi ipotizzati nel mese di febbraio.

Il roadshow dell’Ipo di Facebook dovrebbe iniziare lunedì 7 maggio e sarebbe proprio Mark Zuckerberg a incontrarsi con gli investitori per illustrare le potenzialità del titolo FB al NASDAQ: molti a Wall Street non si aspettavano che il fondatore e CEO di Facebook prendesse parte agli incontri dopo la mancata partecipazione a un evento con gli analisti che si è svolto nel mese di marzo, quando erano stati inviati Sheryl Sandberg (COO) e David Ebersman (CFO), dunque questa giunge come una notizia a sorpresa.

Il roadshow normalmente dura una o due settimane e saranno questi giorni di tensione per il team: in ballo v’è una quotazione che potrebbe portare nelle proprie casse qualcosa come 10 miliardi di dollari sulla base di un valore di capitalizzazione di 100 miliardi di dollari, mentre il prezzo delle azioni sarà fissato soltando il giorno precedente all’apertura della quotazione.

La quotazione in Borsa può rappresentare la svolta, e Facebook dovrà dimostrare di saper capitalizzare ulteriormente gli oltre 900 milioni di iscritti ed esprimere quel grande potenziale che ancora dice di avere, sviluppatosi di recente ulteriormente per via dell’acquisizione di Instagram, che ha appena raggiunto quota 50 milioni di utenti, segnando una grandissima crescita nel breve periodo dato che aveva aperto il 2012 con una base di “soli” 15 milioni di utenti.