Europei preoccupati della sicurezza del web

di Carlo Lavalle

scritto il

Un'inchiesta mette in luce l'interesse diffuso tra gli internauti europei per meccanismi di protezione più efficacicontro gli attacchi del cybercrime.

I cittadini europei che navigano su Internet sono molto sensibili ai rischi della criminalità informatica. Preoccupa soprattutto la sicurezza delle informazioni personali e dei pagamenti online. E’ quanto risulta da una nuova indagine di Eurobarometro che hacoinvolto quasi 27.000 persone in tutti gliStati membri dell’Ue.

In base ai dati rilevati, l’89% degli internauti evita di fornire informazioni personali online e il 74% pensa che il rischio di rimanere vittima di reati informatici sia cresciuto negli ultimi anni.

Inoltre, il 12% degli intervistati ha già subito frodi informatiche e l’8% è stato vittima di furto di identità. Il 53% degli internauti europei acquista beni o servizi online contro il 20% che, viceversa, li vende; il 52% frequenta regolarmente i social network e il 48% si avvale dei servizi bancari tramite Internet.

Il 59% ritiene di non essere adeguatamente informato sui rischi della criminalità informatica mentre il 40% degli intervistati appare seriamente preoccupato che qualcuno si possa appropriare o utilizzare indebitamente i suoi dati personali e il 38% arriva adubitare della sicurezza dei pagamenti in rete. Tuttavia, il 53%, inItalia la percentuale sale al 54%, non ha operato un cambiamento delle password online durante l’ultimo anno.

Per creare un meccanismo di difesa più efficace contro le crescenti minacce informatiche a danno dei cittadini e delle imprese Ue la Commissione europea ha proposto l’istituzione, entro il 2013, di un Centro europeo per la lotta alla criminalità informatica: questo organismo in via di definizione si dovrà occupare delle attività illecite svolte sul web dalla criminalità organizzata, concentrandosi in particolare sugli attacchi contro i servizi bancari e altre attività finanziarie online. Suoi ulteriori compiti saranno proteggere i profili dei social network dalle infiltrazioni criminali, fornire informazioni e analisi alle autorità nazionali preposte a contrastare il cybercrime per metterle in grado di evitare furti di identità online e attacchi informatici contro le infrastrutture nevralgiche e i sistemi d’informazione dell’Ue.