Conti correnti, ok dal Garante

di Massimiliano Santoro

scritto il

Via libera del Garante per la privacy allo schema di modalità di trasmissione dei dati ma si vigilerà sul nuovo sistema.

Parere favorevole dell’Autorità Garante per la protezione dei dati sullo schema di provvedimento che stabilisce le modalità con le quali gli operatori finanziari dovranno trasmettere all’Agenzia delle Entrate, per finalità di controllo fiscale, le informazioni relative ai conti correnti ed ai rapporti finanziari in virtù della “comunicazione integrativa annuale“.

Si sottolinea che il nuovo schema tiene conto delle osservazioni e delle richieste di modifica avanzate lo scorso aprile dalla stessa Autorità per elevare le misure di sicurezza per proteggere i dati dei contribuenti “considerata l’enorme concentrazione di informazioni presso l’Anagrafe tributaria e il potenziale di rischio difficilmente riscontrabile in un ordinario esercizio dell’attività finanziaria o bancaria”, si legge nel comunicato di ufficializzazione del parere. Ed inoltre, così come richiesto dal Garante, viene stabilito che il periodo di conservazione dei dati non potrà superare i sei anni dopo i quali avverrà la loro cancellazione automatica.

Viene specificato che i dati verranno trasmessi attraverso un “Sistema di interscambio” e che la trasmissione dovrà essere effettuata esclusivamente dall’operatore finanziario che non potrà utilizzare intermediari fiscali. Il Garante, inoltre, nell’esprimere parere favorevole si è comunque riservato di verificare nel dettaglio il completamento delle funzionalità della nuova infrastruttura informatica, anche prima della messa in esercizio.

Infine, per quanto concerne il provvedimento attraverso il quale saranno individuati i criteri per la formazione delle liste selettive dei contribuenti a maggior rischio di evasione, l’Autortità riferisce che l’Agenzia delle Entrate ha dichiarato che questo sarà sottoposto preventivamente al Garante.

I Video di PMI

Quali sono i contenuti migliori per Google?