Revoca incarico al dirigente: quando è legittima?

di Redazione PMI.it

scritto il

È legittimo revocare l?incarico al dirigente che minaccia di denunciare i superiori per ottenere benefici personali: sentenza.

Una recente sentenza emessa dalla Corte di Cassazione fa luce sulla spinosa questione della revoca degli incarichi ai dirigenti: secondo la Suprema Corte, infatti, esistono casi specifici che rendono legittimo un tale intervento disciplinare.

=> Scopri quando il licenziamento dei dirigenti è legittimo

La sentenza n. 8846 depositata l’11 aprile 2013, ad esempio, sancisce la legittimità della revoca dell’incarico al dirigente che minaccia di denunciare i propri superiori, un comportamento giudicato altamente lesivo dei doveri d’ufficio.

=> Leggi la sentenza della Cassazione sul licenziamento dei pseudo-dirigenti

Secondo l’organo di giustizia, tuttavia, il provvedimento disciplinare non può essere stabilito a priori e a prescindere dalla valutazione delle finalità di un comportamento simile. La revoca dell’incarico, infatti, scatta solo se viene dimostrato l’intento del dirigente di denunciare i superiori non per limitare le irregolarità oggetto di denuncia ma solo per ottenere vantaggi dal punto di vista personale.

=> Scopri la normativa sul licenziamento dei dirigenti per accorpamento incarichi

Per quanto riguarda le denunce nei confronti del datore di lavoro da parte dei dipendenti che evidenziano presunti illeciti in azienda, è sempre la Suprema Corte a stabilire che il lavoratore non può essere licenziato a meno che non sia dimostrato un intento calunnioso.