Tratto dallo speciale:

Professioni sanitarie: come aumentare la pensione futura

di Redazione PMI.it

scritto il

La richiesta di aumento della pensione futura per gli iscritti all'Enpam va effettuata entro il 31 gennaio: chi può richiederlo e come fare.

I professionisti iscritti all’Enpam (medici di medicina generale, i pediatri di libera scelta e gli specialisti esterni), hanno la facoltà di decidere di aumentare la pensione futura versando, volontariamente, un contributo aggiuntivo (aliquota modulare), un’aliquota contributiva a proprio carico compresa tra l’1% e il 5%, che consentirà di percepire una quota di pensione ulteriore.

=> Previdenza complementare: come scegliere la pensione integrativa

Aumento pensione futura: chi può chiederlo

La possibilità è riservata ai medici appartenenti alle categorie professionali dell’assistenza primaria, della continuità assistenziale, dell’emergenza sanitaria territoriale, i pediatri di libera scelta e gli specialisti esterni accreditati ad personam.

Aumento pensione futura: come chiederlo

La finestra annuale prevista per usufruire di questa possibilità si sta per chiudere: gli interessati devono presentare domanda entro il 31 gennaio inviando un apposito modulo alla propria Asl.

Nel caso in cui si sia già usufruito di questa possibilità, non è necessario presentare un nuovo modulo, a meno che non intenda modificare la percentuale scelta. In quest’ultimo caso la domanda va presentata sempre entro il 31 gennaio.

=> Pensioni private: ricongiunzione meglio del cumulo

Aumento pensione Enpam: altre soluzioni

I professionisti Enpam che non rientrino in queste categorie possono migliorare la propria posizione previdenziale e aumentare l’assegno di pensione in altri modi:

  • il riscatto della laurea, che consente di far valere ai fini della pensione i periodi che non sono coperti da contribuzione garantendo un aumento dell’anzianità contributiva e un incremento dell’assegno di pensione, L’onere di riscatto versato è inoltre interamente deducibile in dichiarazione dei redditi;
  • l’allineamento (o riscatto di allineamento) che consente di allineare i contributi già pagati a una contribuzione più alta versata nei periodi in cui si è lavorato di più e quindi il reddito è stato maggiore, ottenendo un incremento dell’importo della pensione ma non dell’anzianità contributiva;
  • aderire al FondoSanità così da crearsi una pensione complementare. Si tratta di un fondo chiuso riservato ai lavoratori del settore che consente una deducibilità delle somme fino a oltre cinquemila euro e che, grazie a nuove convenzioni di gestione, quest’anno (e per il prossimo quinquennio) offre un’ulteriore ottimizzazione dei rendimenti.

I Video di PMI

Pensione: cedolino INPS online