Formazione manageriale: trend e previsioni

di Redazione PMI.it

scritto il

Quali percorsi deve prevedere la formazione manageriale? Quanto deve durare? La parola ai vertici aziendali.

Crescono gli investimenti delle aziende nella formazione manageriale, una priorità per i vertici d’impresa soprattutto in contesti lavorativi in cui l’innovazione organizzativa e digitale impone un aggiornamento continuo delle competenze.

A fare luce sul sentiment e sul tempo dedicato è una recente indagine dell’Osservatorio Managerial Learning condotta da ASFOR e CFMT. Nel 2018 sono state destinate alla formazione mediamente 6,4 giornate, il 20% in più rispetto al 2017. Le previsioni sono ottimistiche: il tempo destinato al perfezionamento delle capacità individuali potrebbe superare il 62% entro il 2022.

La richiesta di aggiornamento professionale riguarda in misura crescente: Strategia, Change Management, Digital Mindset, Leadership e Soft Skills. Secondo direttori generali e amministratori delegati, è importante che un progetto di formazione venga inserito direttamente nei piani aziendali di sviluppo.  Come afferma Pietro Luigi Giacomon, Presidente di CFMT:

Rileviamo una maggiore richiesta di formazione vicina ai problemi reali.

Se è vero che sta cambiando la cultura aziendale (il management si fa sempre più spesso promotore dell’investimento in formazione), è anche vero che è il manager stesso a doversi attivare, a cercare nuovi stimoli, a misurarsi con nuovi problemi e progetti concreti.

Le modalità di apprendimento più significative, secondo gli intervistati, sono gli scambi e i confronti con colleghi, clienti o consulenti, ma anche la risoluzione di problemi complessi, i progetti di innovazione oltre a workshop e corsi interaziendali.

La formazione tradizionale, quindi, dovrebbe essere affiancata da altre forme di apprendimento come coaching e mentoring, master organizzati dall’azienda presso enti di formazione specifici, business school, corsi interaziendali di breve durata e focus group su temi specifici. Permane ancora un certo scetticismo, infine, riguardo l’efficacia del digital learning non integrato con altri percorsi.