Forbes: il più ricco americano è ancora Bill Gates

di Carlo Lavalle

scritto il

Pubblicata la nuova classifica Forbes dei 400 paperoni degli Stati Uniti, che vede ancora in testa Bill Gates di Microsoft.

Bill Gates si conferma il più ricco tra i 400 più ricchi degli Stati Uniti d’America secondo la nuova classifica pubblicata dalla rivista Forbes. Il suo patrimonio è aumentato da 59 a 66 miliardi di dollari rispetto al 2011. Nel complesso tutto il gruppo dei Paperoni americani guadagna di più in confronto all’anno precedente raggiungendo la stratosferica cifra di 17 trilioni di dollari (+ 13%) pari ad un ottavo dell’economia Usa.

Il patrimonio medio dei 400 super ricchi è salito ad un valore di 4,2 miliardi di dollari, record assoluto di ogni tempo e in percentuale +10% rispetto ad un anno fa.

Questo numero, secondo Luisa Kroll di Forbes, è stato ottenuto grazie all’incremento della ricchezza dello strato superiore che ha allargato il divario con le altre parti. Ancora di più è cresciuta la differenza con il resto della società.

Come Gates, e in genere i primi cinque dell’elenco di Forbes, rimane al secondo posto Warren Buffet con 46 miliardi di dollari mentre al terzo troviamo Larry Ellison, Ceo di Oracle, con un patrimonio stimato in 41 miliardi di dollari. In quarta posizione si classificano i fratelli Charles e David Koch magnati ultrasettantenni dell’industria petrolchimica americana.

Con una fortuna di 25 miliardi al decimo posto c’è Michael Bloomberg, attuale sindaco di New York, fondatore della Bloomberg L.P., azienda che fornisce software finanziari, notizie e dati aziendali. Jeff Bezos di Amazon, Sergei Brin e Larry Page di Google sono rispettivamente all’undicesimo e al tredicesimo posto. Perde posizioni Marck Zuckerberg che paga la malriuscita operazione di quotazione in Borsa, scivolando dal 14° al 36° con un salto all’indietro di 22 gradini. Il suo patrimonio si è dimezzato scendendo da 17,5 a 9,8 miliardi di dollari.

Nell’ultimo anno sono usciti dalla classifica 32 persone mentre 20 sono i nuovi ingressi tra cui Jack Dorsey, confondatore di Twitter, e altri 16 che sono entrati nella lista con attività appena avviate.