Bonus Pubblicità in stallo

di Noemi Ricci

scritto il

Imprese del settore dell'editoria ancora in attesa del regolamento attuativo del Bonus pubblicità: il punto della situazione.

Per il via ufficiale al Bonus pubblicità manca il decreto attuativo, atteso ormai dall’ottobre 2017, anche se in realtà sembra che il Ministero dell’Economia e dello Sviluppo Economico lo abbia già messo a punto e trasmesso al Consiglio di Stato.

Bonus Pubblicità

Il riferimento normativo è il Decreto Legge fiscale 172 che ha convertito il decreto legge 148 del 16 ottobre 2017 e ha introdotto due novità:

  • l’ammissione all’agevolazione delle testate online anche per il 2018;
  • l’aggiunta degli enti non commerciali, ossia gli enti no profit, nella platea dei destinatari del credito d’imposta.

Lo strumento fiscale del Tax Credit sugli investimenti pubblicitari incrementali, lo ricordiamo, prevede un credito d’imposta incrementale al 75% (90% in caso di PMI, microimprese e startup) per imprese, autonomi ed enti non commerciali che investono in campagne pubblicitarie su quotidiani e periodici, anche online, e sulle emittenti radio-televisive locali.

Il plafond messo a disposizione per la misura ammonta a 62,5 milioni di euro per l’anno in corso, di cui 20 riservati agli investimenti effettuati nel secondo semestre dello scorso anno sulla stampa, anche online.

Decreto attuativo

Anes, l’associazione nazionale editori di settore, chiede che vengano accelerati i tempi di emanazione del decreto attuativo e per la pubblicazione da parte dell’Agenzia delle Entrate delle istruzioni per l’invio telematico della istanze. Andrea Boni, presidente di Anes, spiega:

Questa lunga attesa delle indicazioni attuative rischia di disperdere il valore dell’iniziativa sostenuta dal Governo e il raggiungimento dell’obiettivo primario di rimettere in moto il mercato degli investimenti.

Confidiamo nell’imminente emanazione del regolamento attuativo al quale Anes dedicherà immediatamente l’organizzazione del Workshop ‘Come utilizzare il Tax Credit Pubblicità?’ con l’intervento di consulenti esperti in materia, nella sua sede milanese di via Crocefisso 5.