Bonus mamma di 800 euro senza vincoli INPS

di Barbara Weisz

scritto il

Una madre straniera legalmente in Italia può chiedere il bonus mamma domani, premio alla nascita di 800 euro, anche senza permesso di soggiorno di lunga durata: il Tribunale confuta i requisiti INPS.

Premio alla nascita 2018: il bonus mamma domani di 800 euro per figlio spetta a qualunque madre in Italia, anche se con permesso di soggiorno in scadenza: lo stabilisce una sentenza d’appello del Tribunale di Milano, che ha ritenuto un “atto discriminatorio” e non consentito dall’ordinamento nazionale e comunitario il requisito imposto dall’INPS per il bonus, che per le donne straniere richiedono il permesso di soggiorno di lungo periodo.

Secondo la sentenza, l’INPS non può aggiungere paletti rispetto a una fonte di rango primario, quale è la legge che istituisce il bonus mamma. Il comma 353 della legge 232/2016, non prevede infatti tale limitazione. Semplicemente, stabilisce che:

a decorrere dal 1º gennaio 2017 è riconosciuto un premio alla nascita o all’adozione di minore dell’importo di 800 euro. Il premio, che non concorre alla formazione del reddito complessivo di cui all’articolo 8 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, è corrisposto dall’INPS in unica soluzione, su domanda della futura madre, al compimento del settimo mese di gravidanza o all’atto dell’adozione.

La circolare INPS, invece, richiede quale requisito il permesso di soggiorno di lunga durata, richiamando il comma 125 della legge 190/2014, che però riguarda il bonus bebè introdotto in via sperimentale fra il 2015 e il 2017, non il premio alla nascita.

In quel caso, era la legge primaria a indicare fra il requisiti quello previsto dall’articolo 9 del dlgs 286/1998, che è appunto il permesso di soggiorno di lunga durata. Conclusione: secondo il Tribunale di Milano, bisogna estendere il beneficio a tutte le madri regolarmente soggiornanti e garantire adeguata comunicazione.

In realtà, con messaggio 661/2018, l’istituto aveva fatto marcia indietro, proprio in esecuzione della sentenza di primo grado, aprendo le domande a tutte le madri straniere con permesso di soggiorno, ma mantenendo una riserva sul pagamento, legata all’attesa delle sentenza di appello. Che ora è arrivata confermando il pronunciamento di prima istanza. L’istituto deve ora decidere se pagare o presentare ricorso in Cassazione.

Di fondo, la norma rappresenta anche una violazione all’ordinamento nazionale e comunitario. In questo senso va anche un’altra sentenza, del Tribunale di Bergamo, che riguarda nello specifico il bonus bebè, ovvero la norma della legge 190/2014 sopra richiamata.

In questo caso, il testo della legge primaria prevedeva la limitazione alle mamme straniere con permesso di soggiorno di cui all’articolo 9 del dlgs 286/1998. I magistrati di Bergamo hanno però ritenuto la norma in contrasto con la normativa comunitaria, imponendo all’INPS di pagare il bonus bebè a una coppia di stranieri con regolare permesso di lavoro.