Tratto dallo speciale:

Equitalia: la classifica dei debiti a rate

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Equitalia: la Lombardia è la regione con i più alti debiti fiscali a rate, mentre Roma è prima tra le città.

Sono sempre più numerosi i contribuenti che scelgono di pagare i debiti fiscali a rate e, secondo i dati Equitalia, gli importi totali delle cartelle rateizzate ammontavano al 31 agosto a 26,8 miliardi di euro, pari a quasi 2,5 milioni di richieste di pagamento dilazionato, per un importo medio di 11mila ciascuna. La regione dove si sfrutta maggiormente questa possibilità è la Lombardia (5,2 miliardi di euro per 361.709 istanze da 14.469 euro in media), mentre tra le città in cima alla lista c’è Roma (2,9 mld di debiti rateizzati, 202.557 istanze e un importo medio di 14.326 euro).

=> Rateazione somme a ruolo Equitalia: guida pratica

Analisi per regione

Dopo la Lombardia sul podio, sl secondo posto tra le regioni troviamo il Lazio, con 3,7 miliardi di debiti rateizzati, 296.288 istanze di pagamento e rate ed un importo medio dei debiti di 12.496 euro, seguita dalla Campania con 3,2 miliardi divisi tra 265.334 istanze ed un importo medio di 12.125 euro, quindi dalla Toscana, con 2 miliardi di euro e 238.204 istanze, dal Veneto, dal Piemonte e dalla Puglia tutte con oltre 1,8 miliardi di debiti rateizzati, l’Emilia Romagna (1,7 miliardi) e le altre regioni tutte sotto il miliardo di euro, fino ad arrivare al Molise con 180 milioni di euro e 17.787 istanze. Ultima classificata per importo medio del debito è però la Valle d’Aosta con 6.843 euro.

Analisi per città

Dopo Roma, la città che registra il maggior numero di istanze di rateazione (164.399) è Milano, con 2,8 miliardi di debiti per un importo medio di 17.090 euro, a seguire Napoli con 1,7 miliardi, 127.936 istanze e un debito medio di 13.165 euro e Torino con 1,1 miliardi, 99.186 istanze e un importo medio di 10.982 euro. Ultima classificata Sondrio con 31,6 milioni di debiti, 32.984 istanze e un importo medio di 7.883 euro.

I Video di PMI

Cartella esattoriale nulla: regole e sentenze