Tratto dallo speciale:

CUD INPS online e modalità di rilascio alternativo

di Francesca Vinciarelli

scritto il

L'INPS comunica le nuove modalità di rilascio del CUD: per via telematica, PEC o a domicilio in formato cartaceo.

L’inizio di ogni anno è caratterizzato, per datori di lavoro e lavoratori, dalla consegna del CUD, la certificazione unica relativa ai redditi dell’anno precedente per lavoro dipendente, pensione e assimilati. Il datore di lavoro può optare tra due diverse modalità di consegna al contribuente: quella cartacea e in formato elettronico, accertandosi che il destinatario sia in possesso degli strumenti necessari per ricevere e stampare la certificazione.

=> CUD INPS 2014: online, cartaceo, a casa

CUD INPS telematico

Per quanto riguarda il CUD INPS, in questi giorni l’Istituto ha reso noto che sono disponibili già dalla fine dello scorso mese di febbraio i CUD in modalità telematica. La certificazione unica è reperibile, previa identificazione tramite PIN, nella sezione Servizi al cittadino del portale istituzionale, dove può essere visualizzata e stampata dall’utente.

=> Leggi come ottenere il PIN INPS dispositivo

CUD INPS via PEC

Diversamente, nel caso sia stato comunicato all’INPS un indirizzo valido di posta elettronica certificata CEC-PAC, il CUD INPS è stato recapitato alla casella PEC corrispondente. L’Istituto ha inoltre messo a disposizione dei cittadini titolari di indirizzo di posta elettronica certificata CEC-PAC l’indirizzo richiestaCUD@postacert.inps.gov.it  per l’invio di richieste di trasmissione del CUD.

=> Leggi le novità del modello CUD 2014

CUD INPS cartaceo

La circolare n. 45/2014 dell’INPS descrive poi alcune modalità alternative per la ricezione del CUD, a fronte della facoltà prevista dal legislatore di richiedere la trasmissione del CUD in forma cartacea utilizzando i seguenti canali:

  • servizio erogato dalle Strutture dell’Istituto, dove è disponibile almeno uno sportello dedicato al rilascio cartaceo del CUD;
  • postazioni informatiche self service istituite presso tutte le Strutture territoriali dell’Istituto e utilizzabili dagli utenti in possesso di PIN per stampare il proprio CUD;
  • patronati, CAF, professionisti abilitati all’assistenza fiscale in possesso di PIN e di certificato Entratel che possono visualizzare e stampare il CUD previa acquisizione di una specifica delega o mandato di assistenza;
  • Comuni ed altre PP.AA. abilitate, ovvero che abbiano sottoscritto un protocollo con l’Istituto per l’attivazione di un punto cliente di servizio;
  • uffici postali appartenenti alla rete “Sportello Amico” in adesione al progetto “Reti Amiche” promosso nel 2008 dal Ministero della Pubblica Amministrazione e Innovazione con lo scopo di facilitare l’accesso dei cittadini ai servizi della Pubblica Amministrazione e di ridurre i tempi delle procedure burocratiche;
  • Sportello Mobile per utenti particolarmente disagiati come ultraottantacinquenni titolari di indennità di accompagnamento, speciale o di comunicazione in possesso del codice personale fornito con apposita comunicazione dell’Istituto possono, il CUD può essere richiesto a domicilio contattando un operatore della Sede territorialmente competente al numero telefonico indicato nella comunicazione;
  • anche i pensionati residenti all’estero possono richiedere la certificazione a domicilio fornendo i propri dati anagrafici e il numero di codice fiscale, ai seguenti numeri telefonici dedicati 06.59054403 – 06.59053661 – 06.59055702, con orario 8.00 – 19,00 (ora italiana);
  • spedizione del CUD al domicilio del titolare facoltà concessa a tutti gli utenti dal comma 114 dell’articolo 1 della legge 24 dicembre 2012, n. 228, in caso di richiesta e di dichiarata impossibilità di accedere alla certificazione, direttamente o delegando altro soggetto, mediante i servizi sopra elencati l’Istituto provvederà ad inviare il CUD a domicilio e per lo scopo ha attivato il numero verde 800.43.43.20 in aggiunta ai già esistenti numero verde 803.164 per i telefoni fissi e 06164164 per i telefoni cellulari.

Per maggiori informazioni consultare la circolare INPS n. 45/2014

I Video di PMI

Sanzioni per omessa Certificazione Unica