IMU Trieste: aiuti per fasce più deboli

di Teresa Barone

scritto il

IMU ridotta per le fasce più deboli: lo ha deciso il Comune di Trieste stanziando fino a 200mila euro.

Il Comune di Trieste ha approvato la riduzione dell’IMU a beneficio delle categorie più deboli: una decisione che arriva grazie all’intervento dell’assessore alle Politiche sociali Laura Famulari, e che riguarda nello specifico i cittadini anziani non autosufficienti, i disabili gravi, i nuclei familiari con un mutuo sulla prima casa a carico.

Per attuare questa misura straordinaria e ridurre il pagamento dell’IMU locale, la Giunta ha stanziato 200mila euro come fondo straordinario per l’anno 2012.

=> Aliquote IMU 2012 per la seconda rata

Il versamento dell’IMU sarà quindi calcolato sulla base del parametro ISEE, e potrà raggiungere 250 euro (ISEE da euro 0 a euro 7500). Pagheranno  fino a un massimo di euro 200 i cittadini con ISEE da euro 7501 a euro 15000, e fino a un massimo di euro 150 i proprietari con ISEE da euro 15001 a euro 30000.

Entrando più nel dettaglio dei soggetti che beneficeranno delle agevolazioni, si parla delle seguenti categorie di cittadini:

«Persone nel cui nucleo familiare sia dimorante abitualmente e residente anagraficamente un disabile in condizioni di handicap permanente grave di età superiore ai 26 anni; persone nel cui nucleo familiare dimori abitualmente e residente anagraficamente una persona di oltre 65 anni non autosufficiente (invalidità civile al 100%); persone disabili, in condizioni di handicap permanente grave, residenti in un alloggio di proprietà, se trattasi di abitazione principale.»

=> Leggi tutte le news per le PMI del Friuli