Conguaglio di fine anno in busta paga: calcoli e scadenze

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Istruzioni per il conguaglio di fine anno dei contributi in busta paga, per i datori di lavoro che utilizzano la dichiarazione contributiva UniEmens.

Con la circolare n. 209/2015, l’INPS fornisce chiarimenti sulle operazioni di conguaglio dei contributi previdenziali e assistenziali di fine anno in busta paga, per i datori di lavoro che utilizzano la dichiarazione contributiva UniEmens.

=> Pensioni 2015-2016: le novità del sistema previdenziale

Calcolo

In particolare, la circolare contiene il riepilogo delle aliquote contributive per l’anno 2015 e dà indicazioni sulle seguenti modalità di rendicontazione:

  • elementi variabili della retribuzione, ai sensi del decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale 7 ottobre 1993 (di seguito, per brevità, DM 7.10.1993);
  • massimale contributivo e pensionabile, di cui all’art. 2, comma 18, della legge n. 335/1995;
  • contributo aggiuntivo IVS 1%, di cui all’art. 3-ter della legge n. 438/1992;
  • conguagli sui contributi versati sui compensi ferie a seguito fruizione delle stesse;
  • fringe benefits” esenti non superiori al limite di € 258,23 nel periodo d’imposta (art. 51, comma 3, del T.U.I.R.);
  • auto aziendali ad uso promiscuo;
  • prestiti ai dipendenti;
  • conguagli per versamenti di quote di TFR al Fondo di Tesoreria;
  • rivalutazione annuale del TFR conferito al Fondo di Tesoreria;
  • gestione delle operazioni societarie.

=> Ricongiunzione contributi pensioni: la mini guida

Scadenze

Le operazioni di conguaglio contributivo 2015 possono essere effettuate dai datori di lavoro sia con la denuncia di competenza del mese di dicembre 2015 (scadenza 16 gennaio 2016), che con quella di competenza del mese di gennaio 2016 (scadenza 16 febbraio 2016). Inoltre, a partire dal 2007 i conguagli possono riguardare anche il TFR al Fondo di Tesoreria e le misure compensative, tali operazioni potranno essere inserite nella denuncia di febbraio 2015 (scadenza 16 marzo 2016), senza aggravio di oneri accessori. Resta però fermo l’obbligo del versamento o del recupero dei contributi dovuti sulle componenti variabili della retribuzione nel mese di gennaio 2016.

I Video di PMI