Tratto dallo speciale:

Notifiche Fisco via PEC: modalità di richiesta

di Noemi Ricci

scritto il

Le istruzioni dell'Agenzia delle Entrate circa le modalità di comunicazione dell'indirizzo PEC sul quale ricevere le notifiche del Fisco.

Con il Provvedimento n. 120768/2017, l’Agenzia delle Entrate ha precisato le modalità di comunicazione, tramite i servizi telematici, dei dati relativi all’indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC) per la notifica degli atti, ai sensi dell’art. 60, comma 7, D.P.R. n. 600/1973.

Si tratta della possibilità concessa ai contribuenti di farsi recapitare le notifiche dell’Agenzia delle Entrate via PEC, senza più spendere tempo in code per ricevere atti che li riguardano e con la certezza di riceverli tutti.

=> Notifiche via PEC, modulo di richiesta

Ora il Provvedimento ha disposto che:

  • i dati relativi all’indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC) possono essere comunicati esclusivamente attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate;
  • l’indirizzo PEC può essere comunicato solo dalle persone fisiche (residenti e non) e dai soggetti diversi dalle persone fisiche non obbligati per legge a dotarsi di un indirizzo PEC inserito nell’Indice Nazionale degli Indirizzi di Posta Elettronica Certificata (INI-PEC). Con la comunicazione dell’indirizzo il richiedente manifesta la volontà di ricevere la notifica degli avvisi e degli altri atti presso:
    • l’indirizzo PEC di cui è intestatario;
    • l’indirizzo PEC del coniuge, di un parente o affine entro il quarto grado specificamente incaricati di ricevere la notifica per conto degli interessati;
  • l’indirizzo PEC comunicato può essere utilizzato a decorrere dal 1° luglio 2017 per la notificazione degli avvisi e altri atti;
  • il servizio telematico per la comunicazione dei dati consente di trasmettere il tipo di operazione, l’indirizzo PEC, l’intestazione dell’indirizzo PEC al richiedente e il consenso all’informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13, D.Lgs., n. 196/2003.

=> Il Fisco 2.0 rivoluziona i controlli

Una volta ricevuta la comunicazione, l’Agenzia delle Entrate invia un messaggio contenente un codice di validazione all’indirizzo PEC comunicato per verificarne l’esistenza e l’effettiva disponibilità per il richiedente quindi, terminata la procedura di verifica e i controlli in Anagrafe Tributaria, conferma la registrazione nei propri archivi dell’indirizzo PEC comunicato, mettendo a disposizione del richiedente l’esito dell’operazione che specifica la data in cui l’informazione è stata correttamente acquisita in Anagrafe Tributaria.

Dunque, la registrazione dell’indirizzo PEC comunicato risulta completa quando:

  • il gestore di posta elettronica certificata del soggetto richiedente, rilascia la ricevuta di avvenuta consegna del messaggio;
  • il richiedente inserisce correttamente il codice di verifica.

Il richiedente è responsabile delle informazioni comunicate ed ha l’onere di aggiornarle in caso di variazioni sopravvenute.

.

I Video di PMI

Flat tax: come funziona