Filiere agricole: esonero contributi INPS al via

di Redazione PMI.it

scritto il

Imprese e autonomi dell'agricoltura possono richiedere l'esonero dei contributi INPS con causale Covid (Sostegni-bis): istruzioni INPS.

Online le regole sull’esonero contributi INPS per imprese delle filiere agricole dei settori agrituristico e vitivinicolo previsto dall’articolo 70 del decreto legge 73/202. A partire dal 17 marzo è possibile visualizzare la domanda e dal 27 marzo si potrà anche inviare, mentre il termine di presentazione è il 26 aprile 2022.

Le prime indicazioni erano già state fornite con la circolare 156 del 21 ottobre 2021, mentre con il nuovo messaggio 1216/2022 si illustrano le modalità di presentazione delle domande di esonero con le istruzioni operative per la fruizione del beneficio.

Si tratta di un’agevolazione Covid prevista dal Decreto Sostegni-bis relativo al mese di febbraio 2021, che riguarda datori di lavoro, lavoratori autonomi in agricoltura, imprenditori agricoli professionali, coltivatori diretti, mezzadri e coloni. I settori beneficiari sono i codici ATECO indicati nella tabella E allegata al Sostegni-bis.

La domanda si presenta in via telematica, utilizzando il modelloEsonero Art. 70 D.L. n. 73/2021“, disponibile per i datori di lavoro nel “Portale delle Agevolazioni” (ex “DiResCo”), e per i lavoratori autonomi nel “Cassetto previdenziale Autonomi in agricoltura”, alla sezione “Comunicazione bidirezionale” > “Invio comunicazione”, a decorrere dal 17 marzo 2022, sia per la visualizzazione sia per la predisposizione delle bozze di domande. Dal 17 marzo è possibile entrare nella domanda e compilarne una bozza.

Il secondo step scatta il 27 marzo, quando i datori di lavoro e i lavoratori autonomi in agricoltura potranno compilare la domanda o convalidare e inviare quella già pronta in bozza. La scadenza è fissata al 26 aprile 2022, fermo restando quanto precisato di seguito per il superamento del limite delle risorse disponibili.

Allo scadere del termine, dopo le verifiche, in caso di esito positivo, a ciascun contribuente sarà data comunicazione dell’importo autorizzato in via definitiva a mezzo posta elettronica certificata (PEC) o email, segnalando in questo caso la disponibilità degli esiti nel “Portale delle agevolazioni”. Entro 30 giorni dalla comunicazione, i beneficiari dell’esonero dovranno versare la contribuzione eventualmente dovuta se eccede la quota di esonero di cui si beneficia.

Al datore di lavoro, in caso di accoglimento della domanda, viene attribuito il codice di autorizzazione “8J” da esporre nei flussi Uniemens per recuperare l’esonero spettante, a partire dalla prima denuncia utile ed entro quella del mese di competenza di maggio 2022.