Riforma fiscale terminata, tutti i decreti

di Barbara Weisz

scritto il

Riforma Fiscale terminata, con l’approvazione definitiva degli ultimi decreti dello scorso 22 settembre, è terminato l’iter di attuazione della delega fiscale: una riforma che ha perso per strada uno dei punti fondamentali, come la riforma del catasto, rinviata in attesa delle nuove leggi sulle tasse sulla casa, ma che ha introdotto molte novità in materia di dichiarazione dei redditi (il 730 precompilato), digitalizzazione (fatturazione elettronica, cartelle esattoriali via PEC), internazionalizzazione imprese, sistema sanzionatorio.

=> Riforma fiscale: le novità degli ultimi decreti

Ripercorriamo il calendario di attuazione della Riforma Fiscale con i punti fondamentali dei diversi decreti legislativi attuativi. La prima modifica rilevante entrata in vigore è il 730 precompilato, al debutto in questo 2015 (per i redditi 2014). Il 730 precompilato è stato introdotto dal decreto semplificazioni (legge 175/2014), che contiene anche misure relative a rimborsi IVA più facili, rimborso dei crediti d’imposta, compensazioni.

=> Semplificazioni 2015: più rimborsi, meno adempimenti

Nel corso di questo 2015, sono entrati in vigore tutti i decreti legislativi attuativi:

  • Fatturazione elttronica fra imprese (legge 127/2015, in vigore dal 2 settembre): dal 2017, fatturazione elettronica fra imprese. non obbligatoria ma opzionale, con vantaggi fiscali e burocratici;

=> Fatturazione elettronica fra imprese, la riforma

  • certezza del diritto (legge 128/2015, in vigore dal 2 settembre): abuso del diritto, raddoppio dei termini di accertamento (con effetti sulla voluntary disclosure);

=> Raddoppio termini di accertamento: quando si applica

  • internazionalizzazione imprese (legge 147/2015, in vigore dal 7 ottobre): nuovi servizi e vantaggi fiscali per le imprese che internazionalizzano, agevolazioni per il rientro dei cervelli;

=> Internazionalizzazione imprese: nuova fiscalità 2015-2016

Gli ultimi cinque decreti, sono stati approvati in via defintiva dal Consiglio dei ministri lo scorso 22 settembre, eccoli:

  • Interpelli e contenzioso tributario;
  • semplificazione e razionalizzazione delle norme in materia di riscossione;
  • revisione della disciplina dell’organizzazione delle agenzie fiscali;
  • revisione del sistema sanzionatorio;
  • monitoraggio dell’evasione fiscale e monitoraggio e riordino delle disposizioni in materia di erosione fiscale.

I Video di PMI