Tratto dallo speciale:

Negli appalti il DURT certifica la regolarità  tributaria

di LavoroImpresa

scritto il

In tema di responsabilità  fiscale negli appalti sono state introdotte importanti modifiche che prevedono il debutto di un documento di regolarità  tributaria: un emendamento al DL 69/2013 (Decreto Fare) – approvato dalle commissioni riunite affari costituzionali e bilancio della Camera – subordina infatti il pagamento effettuato dall’appaltatore nei confronti del subappaltatore al rilascio del DURT (Documento Unico di Regolarità  Tributaria) da parte dell’Agenzia delle Entrate e relativo alla posizione dell’azienda subappaltatrice.

=> DURT: in arrivo il DURC fiscale per gli appalti


Ogni pagamento resta sospeso senza il rilascio di un DURT positivo. In caso di inosservanza della normativa sono previste sanzioni comprese tra 5.000 e 200.000 euro in capo al committente.

Per evitare rischi, l'appaltatore dovrà  verificare il corretto versamento fiscale e tributario da parte del subappaltatore acquisendo il DURT dall'Agenzia delle Entrate.

In particolare, il documento dovrà  attestare l'inesistenza di pendenze fiscali, debiti tributari per imposte, sanzioni o interessi scaduti e non estinti dal subappaltatore alla data di pagamento del corrispettivo (o di parti di esso) previsto nel subappalto.

=> Leggi tutto sugli appalti

Per il rilascio del DURT l'Agenzia delle Entrate si avvarrà  di un portale telematico. I contribuenti interessati al rilascio del DURT dovranno registrarsi al sistema e trasmettere online i dati contabili e i documenti relativi alle retribuzioni erogate, ai contributi e alle imposte dovute.
L’adempimento è eseguito all’atto dell'iscrizione e, successivamente, con cadenza periodica.