Steve Jobs, modello di manager “anti-CEO”

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

Steve Jobs non rappresenterebbe il modello di CEO che tutti acclamano, anzi secondo un blogger della Harvard Business Review sarebbe l'esempio da non seguire

Essere CEO (Chief Executive Officer) significa saper prendere decisioni in modo efficace e riuscire a portare a compimento idee di business in grado di portare benefici economici. Per raggiungere queste obiettivi ci si ispira a modelli vincenti tra i più noti della scena globale. Come Steve Jobs, CEO Apple?

Oltre ai molti sostenitori del modello di manager da lui incarnato, tuttavia, non mancano i detrattori, che sostengono modelli differenti.

In particolare, nella blogosfera spiccano le considerazioni di un blogger dell’Harvard Business Review che indica Steve Jobs come l’esempio da non seguire.

Secondo William C. Taylor, Jobs rappresenterebbe una modello di manager con un errato approccio alla leadership, troppo CEO-centric e quindi ormai insostenibile.

Comunque, l’autore non nega le capacità del CEO di Cupertino che, indubbiamente, rimane il più creativo e carismatico. Non va infatti dimenticato che Jobs ha portato sul mercato non una ba ben quattro linee di produzione di grande successo, che spaziano dai computer (Mac) alla musica (iPod), dalla comunicazione mobile (iPhone) fino ad arrivare ai film (pixar).

Quel che si critica, in realtà, è l’arroganza nel porsi verso il mondo e verso l’azienda stessa, con un approccio top-down eccessivamente spinto verso il vertice.

Un CEO da non emulare secondo Taylor, che addirittura chiude il discorso su Jobs affermando che ormai l’atteggiamento degli utenti verso l’azienda e i prodotti può essere considerato di devozione religiosa.

I Video di PMI