COLT e IDC: superare la crisi con la tecnologia

di Noemi Ricci

scritto il

COLT e IDC propongono ai CIO sotto pressione per le difficoltà economiche in azienda causate dalla crisi, una serie di consigli pratici per superare le problematiche IT nell'impresa

Il complesso scenario economico ha portato a molteplici conseguenze in ambito aziendale: le imprese devono riesaminare la propria efficienza IT ed i CIOindividuare metodologie e tecnologie innovativi che consentano al business di generare ricavi, aumentando la produttività dei dipendenti e migliorando l’esperienza utente.

I CIO stanno dunque affrontando nuove sfide, cui lo studio “Business Efficiency” – realizzato dall’operatore Tlc COLT in collaborazione con IDC Global Solutions- tenta di dare risposte concrete.

Tra le priorità da affrontare, lo studio IDC e COLT dedicato all’Efficienza Aziendale identifica:

  • allineamento dei sistemi informativi ai vincoli legislativi;
  • ottimizzazione risorse e gestione costi, innovando i sistemi interni;
  • rinnovamento tecnologico, adeguamendosi alle novità ma garantendo l’interoperatività con i sistemi esistenti;
  • servizi IT in modalità continua, anche tramite dispositivi mobili, videoconferenze e accesso remoto ai sistemi aziendali;
  • riduzione impatto ambientale delle attività d’azienda.

Il rapporto fornisce anche risposte tecnologiche facilmente implementabili, tutti basati sul investimenti con approccio a consumo, utilizzo della fibra ottica e supporto di un partner di servizi IT in grado di offrire soluzioni sempre aggiornate ed evolute, garantire livelli di servizio (SLA) elevati e adattare le soluzioni alle specifiche esigenze.

La convergenza dati e voce in un’unica rete, in particolare, aiuta le aziende a incrementare l’efficienza riducendo i costi di manutenzione/ assistenza e razionalizzando le forniture.

Rivolgersi ad un provider di servizi gestiti, inoltre, consente di concentrare le risorse aziendali su attività di core business, ottenere maggiore scalabilità e migliorare la qualità del servizio ai clienti.

In questo contesto di evoluzione tecnologica anti-crisi, anche la virtualizzazione aiuta le aziende a recuperare risorse riducendo consumi e costi.

Anche affidarsi all’Utility Computing – pacchettizzazione delle risorse di elaborazione sotto forma di servizio a consumo – riduce i costi, perchè elimina le tariffe fisse.

Il modello inaugurato dal Grid Computing consente oggi massima flessibilità e scalabilità nell’esecuzione delle applicazioni, condividendo le risorse di archiviazione, dati ed elaborazione e ottenendo tempi di risposta ottimali.

Infine il Software-as-a-Service , che rimane la soluzione più apprezzata dalle aziende, il cui obiettivo futuro è il miglioramento dell’esperienza del cliente, ad esempio utilizzando l’infrastruttura grid con SLA a livello applicativo e una community chiusa di reti interessate.

I Video di PMI

Incentivi auto ed ecotassa 2019-2021